Cellino su Balotelli: "È nero, sta lavorando per schiarirsi"

"Che è nero, sta lavorando per schiarirsi, ma ha tante difficoltà". Questa la risposta che ha dato Massimo Cellino ad un cronista che, a margine dell'Assemblea di Lega di oggi, gli ha chiesto di chiarire cosa stesse succedendo con Mario Balotelli. La battuta, facilmente equivocabile e decisamente infelice, non è ovviamente passata sotto traccia.

Per cercare di placare le polemiche il Brescia ha diffuso una nota stampa, nel tentativo di chiarire così ogni equivoco: "Brescia Calcio precisa trattasi evidentemente di una battuta a titolo di paradosso, palesemente fraintesa, rilasciata nel tentativo di sdrammatizzare un’esposizione mediatica eccessiva e con l’intento di proteggere il giocatore stesso".

Al di là dell'uscita infelice, Cellino ha parlato anche del Balotelli calciatore, del quale non è per niente soddisfatto fino a questo momento: "Balotelli ha grosse difficoltà. Nel calcio sono le squadre che combattono e che vincono, se noi pensiamo che un giocatore da solo possa vincere le partite offendiamo la squadra e il gioco del calcio. Io ho preso Balotelli a fine mercato, non l’ho comprato per fare abbonamenti o per le pubblicità. L’ho comprato perché poteva essere un valore aggiunto per questa squadra, l’abbiamo fatto diventare una debolezza. Continuando a parlare di Balotelli facciamo male a lui e a noi stessi".

E ancora: "Non mi sento tradito da Mario. Lui forse pone più peso ai social che ai suoi valori tecnici e atletici. Io non l'ho preso per questo, ma per le sue qualità. Quando tornerà a pensare alla sua forma fisica e risponderà sul campo ricomincerà ad essere un calciatore. Adesso credo sia un po' lontano da esserlo. L'ho preso sognando che potesse essere un valore aggiunto per noi".

  • shares
  • Mail