L’appello di Amnesty Inetrnational nei confronti di Cristiano Ronaldo dopo il trasferimenti all’Al Nassr. I dettagli

Amnesty Inetrnational ha pubblicato una nota in merito al trasferimento di Cristiano Ronaldo all’Al Nassr.

COMUNICATO – «Cristiano Ronaldo non dovrebbe permettere che la sua fama e il suo status di celebrità vengano usati come strumento di ‘sportswashing’ dai Sauditi. Invece di elogiare pubblicamente l’Arabia Saudita, dovrebbe utilizzare il proprio tempo all’Al-Nassr per parlare della miriade di violazioni dei diritti umani che vengono commessi in quel paese. Questo tweet di ‘Amnesty International’, subito rilanciato dalla Bbc e dai media del gruppo Globo, suscita nuove discussioni sull’esperienza di CR7 in Arabia Saudita, tra problemi di tesseramento in Arabia e di squalifiche in Inghilterra che gli impediscono per ora di scendere in campo. Alle considerazioni via social, si aggiungono poi le parole di Dana Ahmed, ricercatrice e portavoce di ‘Amnesty International’. In Arabia Saudita è quasi routine che delle persone vengano giustiziate per crimini come traffico di droga, assassinio e stupro. C’è stato un caso in cui sono state eseguite 81 condanne a morte in un singolo giorno. Inoltre le autorità di quel paese continuano a reprimere la libertà di espressione e di associazione, con pesanti condanne detentive comminate a difensori dei diritti umani, attiviste per i diritti delle donne e altri attivisti politici. Ed è molto probabile che le autorità saudite promuovano la presenza di Ronaldo per distogliere l’attenzione da queste terribili violazioni dei diritti umani».

L’articolo Amnesty Inetrnational: «Ronaldo parli dei diritti violati a Riad» proviene da Calcio News 24.

Riproduzione riservata © 2023 - CALCIOBLOG

feed

ultimo aggiornamento: 05-01-2023


Eintracht Francoforte, Marcell Jacobs si allena con la squadra 📸

Coppa Italia, ceduti i diritti Sport TV e Sky Switzerland. Supercoppa al seguito