Prima dell’ultima partita della stagione contro la Sampdoria, Beppe Marotta ha concesso un’intervista a Sky Sport rispondendo a qualche domanda sul calciomercato alle porte. Anche quest’estate il tormentone in casa bianconera sarà il famoso ‘Top Player’ per l’attacco, del quale avrebbe bisogno Antonio Conte per poter puntare a vincere anche in Europa dopo i due scudetti consecutivi della sua gestione. Visto che i bianconeri non sembrano intenzionati a cedere uno dei loro big per trovare i fondi necessari a competere sul mercato con le varie superpotenze calcistiche, Marotta e Paratici saranno costretti ad andare in cerca dell’affare.

A gennaio i bianconeri si sono già assicurati Fernando Llorente, ma tutti in società sono consapevoli che il solo basco non basterà ad alzare realmente il livello del reparto offensivo. Per questo sulla falsariga dello scorso anno i dirigenti juventini cercheranno di mettere a segno un colpo alla van Persie, coccolato e corteggiato a lungo prima di doversi arrendere alla volontà degli inglesi dell’Arsenal, per nulla intenzionati a concedere sconti nonostante il giocatore fosse in scadenza. Stando alle parole dello stesso Marotta, la Juve cercherà nuovamente di assicurarsi un’attaccante appena entrato nell’ultimo anno di contratto come ad esempio l’argentino Tevez, piuttosto che puntarne uno ‘blindato’ da un accordo a lungo termine come quel Gonzalo Higuain che la stampa negli ultimi giorni ha a più riprese accostato ai bianconeri:

“Come giocatore, come qualità ed esperienza non lo scopriamo certo noi. E’ un giocatore che ha una grande voglia di rifarsi perché purtroppo le sue annate nel Manchester City non sono state delle migliori. Questo per dire che è un ottimo giocatore. Poi, è un giocatore del Manchester City e quindi evidentemente noi non abbiamo fatto nessun approccio con loro. Higuain anagraficamente è un po’ più giovane e quindi evidentemente ha un valore superiore. Tevez ha un anno di contratto e quindi è evidente che come mercato forse l’operazione più facile sia quella di Tevez però è una mia analisi e non ho riscontri oggettivi né col Real né col Manchester City.”

Al di là di quelle che saranno le richieste del City per il cartellino, la Juventus dovrà anche pensare a come convincere Tevez ad accontentarsi di uno stipendio decisamente inferiore rispetto a quello che percepisce ora, anche se Marotta ha lasciato intendere tra le righe di essere stato contattato proprio dall’entourage dell’argentino che ha già iniziato a guardarsi intorno in vista della prossima stagione:

“E’ chiaro che in questo momento i procuratori dei vari giocatori si facciano vivi e quindi non è escluso che noi parliamo con questo o quel procuratore di questo o quel giocatore. Però è evidente che al di là degli eventuali accordi che uno può trovare anche con un giocatore, poi c’è sempre la società titolare dei diritti sportivi che ha una voce e un ruolo importante. Quindi da questo punto di vista noi non abbiamo approcciato con alcuna società.”

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG


La favola di Monachello: da Agrigento al Monaco passando per Ucraina e Cipro

Bergonzi spinge il Milan in Champions, la Fiorentina furiosa