Il commissario tecnico dell’Italia Roberto Mancini trattiene a fatica le lacrime dopo la tremenda eliminazione dai playoff Mondiali.

Roberto Mancini ha commentato in conferenza stampa con grande amarezza la sconfitta con la Macedonia. A livello professionale è la più grande delusione della mia carriera. A volte nel calcio succedono cose incredibili e questa lo è, non dovevamo esserci qui stasera, abbiamo fatto di tutto per vincere ma poi alcune partite vanno così, è difficile adesso anche spiegare. La vittoria dell’Europeo è stata strameritata giocando benissimo, poi la fortuna che ci ha accompagnato si è trasformata in totale sfortuna perché in alcune gare sono successe cose incredibili. Quando si perde bisogna saper anche soffrire. I due rigori, ne bastava uno e eravamo al Mondiale, poi questa partita, subire il gol al 92’ sembra fatto apposta”.

Nazionale Italiana
Nazionale Italiana

Cosa si può dire di una partita dove abbiamo tirato 40 volte? Abbiamo subito il gol alla fine e non sappiamo neanche perché. Non sappiamo nemmeno perché siamo arrivati fino a qui. Abbiamo vinto un Europeo e siamo rimasti imbattuti per due anni e mezzo per cui io una cosa la so: i nostri giocatori sono bravissimi. Quindi non è colpa loro o del presidente, il primo responsabile sono io. Quando si perde il primo responsabile è l’allenatore. Questa squadra ha dei bravi giocatori e mi dispiace per loro. Il futuro? Adesso vediamo, ora penso che la delusione sia troppo grande per parlare di futuro. A livello umano posso dire che voglio più bene ai ragazzi stasera che a luglio e per questo momento di difficoltà il mio affetto è più grande. Ora è difficile parlare dei prossimi mesi, la delusione è grandissima, ci vorrà tempo, i giocatori sono bravi e c’è speranza. Quando ci sono Europei e Mondiali, la Nazionale diventa importante, poi però viene un po’ abbandonata, quantomeno rispetto a una volta. È un pensiero che ho da tempo, ma penso che non c’entri con la sconfitta”.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 25-03-2022


Gravina: “Sono amareggiato ma il progetto vorrei proseguisse con Mancini”

Jorginho: “Il ricordo dei rigori sbagliati mi accompagnerà per sempre”