Joshua Zirkzee

L’affare Zirkzee potrebbe presto avere il lieto fine. Kia Joorabchian avrebbe fatto una proposta molto particolare al Milan per concludere la trattativa.

Il Milan continua a ritenere Joshua Zirkzee la priorità per l’attacco. In realtà, così come abbiamo riportato da giorni, la squadra mercato rossonera ha comunicato al Bologna l’intenzione di pagare la clausola pari a 40 milioni, trovando l’intesa economica anche con il calciatore sulla base di un contratto di 5 anni a 4 milioni di euro. Tutto fatto? Nemmeno per sogno. Occorre infatti trovare la quadra con il procuratore dell’olandese Kia Joorabchian che, alla voce commissioni, chiede circa 15 milioni. Il procuratore dell’olandese avrebbe fatto – scrive Il Corriere della Sera – una proposta davvero particolare per sbloccare l’affare e risolvere il capitolo commissioni.

La proposta di Kia al Milan

Il Corriere della Sera riporta una singolare, ma nemmeno più di tanto, richiesta di Kia Joorabchian al Milan per superare l’ostacolo commissioni che blocca l’affare Zikrzee. Il procuratore dell’olandese infatti avrebbe avanzato questa possibilità: che il Club di Via Aldo Rossi compri il cartellino del fratello Jordan, classe 2005, punta centrale del Bayer Leverkusen. 

Joshua Zirkzee
Joshua Zirkzee

Zirkzee come Donnarumma

La soluzione proposta da Kia Joorabchian al Milan non sarebbe una novità nel panorama calcistico, in particolare al Milan. Scorrendo le pagine del passato infatti ricordiamo ad esempio il caso Donnarumma. I rossoneri in quel frangente tesserarono anche il fratello di Gigio, Antonio, a cui diedero da contratto 1 milione di euro annui. Sarà questa la mossa decisiva per chiudere l’affare? I prossimi giorni saranno decisivi in tal senso.

L’articolo Milan, si sblocca Zirkzee? La proposta di Kia per superare le commissioni… proviene da Notizie Milan.

Riproduzione riservata © 2024 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 20-06-2024


Inter: Baccin continua a seguire Ndoye, può essere l’alternativa a Dumfries

Milan, contatti con Rabiot: Juve in stand-by, il Diavolo ci prova…