Buffon presentato dal PSG: "Dimostrerò di essere ancora un grande portiere"

Buffon è pronto a dimostrare il proprio valore anche con il PSG

Oggi il PSG ha presentato ufficialmente Gigi Buffon davanti alla stampa. C'è grande curiosità in Francia per l'arrivo di una leggenda come Buffon, che proprio quest'anno ha compiuto i 40 anni di età. L'ex portierone e capitano della Juventus ha spiegato di aver riflettuto bene sull'idea di continuare a giocare e si è detto pronto a dimostrare di essere ancora un giocatore top: "Ho 40 anni ma godo di un ottimo status di salute e mentale. Per raggiungere certi risultati serve l'aiuto di tutti: rosa e società. Tutti trovano sempre modo per ritagliarsi uno spazio importante e da protagonisti e farò di tutto per mettere in condizione i compagni di rendere al massimo".

A guidare Buffon è la passione di sempre, insieme alla voglia di mettersi alla prova: "Ho sempre cercato la sfida e di misurarmi come calciatore e persona. Non potevo dir di no anche se ho 40 anni. La Champions? Ho cominciato molto prima del Psg a cercare di vincerla ma non credo sia una 'ossessione' mia o del club. Credo ci siano le condizioni per migliorare come calciatore e come persona e credo di poter contribuire a far migliorare il Psg in campo ambendo a traguardi importanti, ma quando cominci una stagione non puoi racchiudere tutto in un obiettivo come la Champions altrimenti saresti un pazzo totale".

A dispetto dell'età e della lunga carriera alle spalle, Buffon ha raccontato di sentirsi entusiasta per questo nuovo inizio: "Sono sbarcato a Parigi con l'entusiasmo di un ragazzo, uno deve sempre seguire le energie e l'entusiasmo che ha dentro. Lo sport è cambiato molto, oggi ci sono parecchi giocatori a 34-35 anni hanno la tenacia per essere considerati ancora i migliori. Non vedo perché un portiere di 40 anni non possa ritagliarsi momenti importanti, oltretutto il mio ruolo è meno stancante e i mie 40 sono i 33-34 di un altro calciatore. Sono molto contento d'essere qui con voi, sono estremamente eccitato di cominciare questa nuova avventura: mi da una energia particolare, non so se per l'ambiente o per la magia del paese, per l'entusiasmo dei tifosi o del presidente che mi ha voluto molto".

Per Buffon sarà la prima esperienza lontano dall'Italia: "La Ligue 1 è un campionato che grazie agli investimenti del Psg è molto più interessante e seguito anche all'estero rispetto al passato. Giocare in stadi come Bordeaux è una esperienza sempre bella. Qui troverò il figlio di Lilian Thuram contro cui giocherò ma è qualcosa che mi è già capitato in Italia con Chiesa".

Buffon dividerà il nuovo spogliatoio con Neymar, reduce dal Mondiale con il Brasile: "Momenti difficili li abbiamo passati tutti in carriera, si tratta di tappe che se affrontate nel modo giusto, e col giusto coraggio, ti fanno migliorare tantissimo. Credo che per un campione come Neymar la delusione del mondiale possa farlo arrivare a Parigi con un desiderio di rivincita incredibile di cui si gioverà la squadra".

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE SPORT DI BLOGO