Sergio Ramos perde la testa e insulta l'arbitro: 5 turni di squalifica | Video

Sergio Ramos è un gran difensore, ma ha un bel caratterino e a volte eccede con gli interventi ruvidi e con le proteste indirizzate i direttori di gara. Le sfide infinite tra Real Madrid e Barcellona, ad esempio, sono state spesso caratterizzate da parapiglia e nervosismo: non era inconsueto intravedere la sagoma di Sergio Ramos nel gruppo di calciatori che si minacciava a distanza o si strattonava. Stavolta il fattaccio è accaduto durante l'ottavo di finale contro il Celta Vigo vinto per 4-0 dai blancos (un risultato che ha qualificato la squadra di Mourinho).

Sergio Ramos è stato espulso nel corso del secondo tempo del match di mercoledì sera al Bernabeu ed è stato squalificato per le prossime 5 partite. Una sanzione pesantissima. Ramos è stato cacciato via dal campo per doppia ammonizione dopo una tacchettata ad un avversario (forse involontaria), ma la squalifica si sarebbe aggravata (quattro turni di stop più uno per l'espulsione) per via degli insulti rivolti successivamente al direttore dei gara: "Sei senza vergogna", avrebbe detto il difensore dei Blancos all'arbitro Ayza Gamez. Ramos poi si è scusato su Twitter, ma dovrà saltare il doppio confronto dei quarti di Coppa del Re contro il Valencia (l'andata è in programma la prossima settimana) e anche tre partite di campionato, nell'ordine contro l'Osasuna, lo stesso Valencia e il Getafe.

Sergio Ramos ha precisato dal social network il suo pensiero, auspicandosi delle severe sanzioni anche per gli arbitri che sbagliano: "Indipendentemente che mi sembri giusta oppure no, mi dispiace molto per questa squalifica, per l'allenatore, per i compagni e per i tifosi", il mea culpa di Ramos. 15 minuti dopo il madrileno è tornato sull'argomento con un tono meno conciliante: "Spero che siano allo stesso modo 'duri e giusti' anche con gli arbitri che sbagliano partita dopo partita".

  • shares
  • Mail