Milan, Galliani contestato a Firenze: deve lasciare la tribuna, ferita guardia del corpo

Tensione in tribuna autorità durante Fiorentina – Milan: al momento dell’espulsione di Tomovic, litigio tra Galliani e alcuni tifosi viola, l’ad rossonero è costretto a lasciare la postazione mentre una monetina ha ferito a un occhio la sua guardia del corpo.

Momenti di tensione nella tribuna autorità dello stadio Artemio Franchi di Firenze: durante la partita tra Fiorentina e Milan (qui il video coi gol), tirata e controversa per via delle decisioni arbitrali di Paolo Tagliavento di Terni, l’amministratore delegato dei rossoneri Adriano Galliani è arrivato a battibeccare con alcuni tifosi viola presenti nelle sue vicinanze, tanto da dover abbandonare la sua postazione e continuare a seguire il match dagli spogliatoi. Non è la prima volta che dagli spalti “bene” dell’impianto fiorentino partono pesanti contestazioni nei confronti dei dirigenti avversari, sempre contro squadre blasonate e odiate: questa volta il motivo dell’acceso dibattito è stato l’espulsione di Tomovic sul punteggio di 1-0 per gli ospiti, un rosso opinabile per una presunta gomitata rifilata a El Shaarawy lanciato a rete ma pur sempre a 50 metri dalla porta difesa da Viviano.

Subito dopo la decisione di Tagliavento il trambusto con un tifoso viola che ha minacciato Galliani, tanto da far intervenire il sindaco della città gigliata Matteo Renzi per sedare gli animi; sono volati allora degli oggetti verso l’ad milanista, tra i quali una monetina che ha colpito in un occhio un addetto alla sicurezza del pelato dirigente (secondo quanto riferiscono fonti del Milan). Nessuno della società lombarda ha commentato ufficialmente l’accaduto, ha parlato però la Fiorentina tramite il responsabile della comunicazione Gianfranco Teotino, che critica quanto avvenuto ma tira comunque le orecchie a Galliani:

“La Fiorentina è molto dispiaciuta per quanto avvenuto oggi. Noi vogliamo che tutti i nostri ospiti siano trattati con profondo rispetto. Analizzeremo tutte le foto e se riscontreremo atti lesivi verso Galliani faremo in modo che certa gente non entri più in tribuna autorità. Galliani non ha però contribuito a rasserenare gli animi ma si è messo quasi a bisticciare con un bambino seduto nella nostra tribuna autorità”.

I Video di Calcioblog