Psg, Leonardo spinge l’arbitro negli spogliatoi: alta tensione a Parigi (Video)

Leonardo spintona l’arbitro Castro negli spogliatoi del Parco dei Principi: il dirigente del Paris Saint Germain rischia un anno di squalifica, ma anche la squadra potrebbe essere penalizzata.

Bufera in casa Paris Saint Germain. La squadra della capitale è a un passo dalla conquista del terzo scudetto della sua storia ma controverse decisioni arbitrali hanno fatto perdere la trebisonda ad alcuni tesserati, uno su tutti il direttore sportivo Leonardo, resosi protagonista ieri sera di un gesto che potrebbe costare molto caro a lui e, chissà, alla squadra. Andiamo però con ordine e capiamo perché l’ex milanista e interista si è così infuriato. Innanzitutto precisiamo che Leonardo, nel corso di questa stagione, è stato spesso critico coi fischietti francesi rei secondo lui di non usare un metro oggettivo e uniforme di valutazione; nonostante questo il Psg ha condotto (ormai quasi) in porto la Ligue 1 pur con una scia finale che il brasiliano proprio non riesce a mandare giù.

Nel penultimo turno di campionato sul campo dell’Evian la squadra della capitale ha finito la partita in nove uomini per le espulsioni, al limite del ridicolo, combinate a Verratti (doppio giallo, due giornate di squalifica) e Beckham (rosso diretto per un non-fallo), a fine gara sul quaderno dei cattivi finisce pure Sirigu per proteste, altre due turni di stop. E arriviamo a ieri sera: al minuto 43 del primo tempo il direttore di gara Alexandre Castro estrae il cartellino rosso nei confronti del capitano Thiago Silva, reo secondo l’arbitro di averlo spinto; lo stopper stava cercando di attirare la sua attenzione perché non aveva fischiato un fallo su Pastore, il tutto sull’1-0 per il Valenciennes.

La partita poi finirà in parità grazie ad Alex, entrato al posto di Menez proprio dopo il rosso di Thiago Silva, ma l’incredulità di giocatori e tifosi viene convogliata nella rabbia di Leonardo che nel tunnel degli spogliatoi del Parco dei Principi spintona Castro. Di fronte ai microfoni a fine partita è perentorio:

“E’ inaccettabile, l’espulsione di Thiago Silva va contro ogni logica. Se continua così non avremo più una squadra da mettere in campo. Sirigu non ha colpito nessuno, magari era nervoso a fine gara ma si becca due turni. Verratti, due turni per due gialli. Beckham senza toccare l’avversario viene espulso. La spallata all’arbitro? Non ho visto niente”.

Carlo Ancelotti è meno furente ma comunque arrabbiato:

“Il Psg è la squadra con il maggior possesso palla. In qualsiasi parte del mondo, chi ha il possesso palla ha meno gialli e rossi, perché avendo il pallone non può fare fallo. E’ un dato normale, ma non in Francia. Forse nel calcio è cambiato qualcosa. Non voglio criticare gli arbitri, ma forse in questo periodo sono più nervosi loro dei giocatori”.

In ogni modo è la spallata di Leonardo all’arbitro che sta facendo e non poco discutere in tutta la Francia: alcuni media d’oltralpe riferiscono che secondo il regolamento della federazione francese, il dirigente parigino rischia fino a un anno di squalifica mentre la squadra potrebbe pagare il gesto di un suo tesserato con qualche punto di penalizzazione. Sarebbe clamoroso a tre giornate dalla fine e con la squadra rossoblù avanti di sette lunghezze nei confronti del Marsiglia secondo.

I Video di Calcioblog