Juve, grane da rientro: tornano alla base Felipe Melo, Martinez e Ziegler

Tre giocatori stanno per tornare alla Juve dopo i prestiti: si tratta di Felipe Melo, Ziegler e Martinez, per tutti e tre il futuro è incerto e si sa solo che non rimarranno a Torino.

Il mercato di una grande squadra non è fatto di sole trattative per portare in rosa grandi giocatori: i direttori sportivi spesso hanno molto più da pensare con le operazioni minori quali quelle che riguardano i giovani da mandare in provincia, le comproprietà da risolvere spesso alle buste e, non di meno, la gestione dei rientri alla base di prestiti eccellenti. Capita infatti che si mettano toppe a esuberi in squadra, piazzando giocatori arrivati con ben altre prospettive in squadre che beneficiano del prestito lì per lì, salvo poi non esercitare il diritto (spesso esoso) di riscatto, rispedendo al mittente un elemento che chiaramente non rientra nei piani tecnici della squadra madre. E’ il caso della Juventus che è ancora alle prese coi contratti di alcuni giocatori quali Reto Ziegler, Felipe Melo e Jorge Martinez, calciatori che per un motivo o per l’altro sono considerati, ad oggi, delle vere e proprie palle al piede in Corso Galileo Ferraris.

Partiamo da Reto Ziegler, il terzino svizzero arrivato a Torino due anni fa a parametro zero dalla Sampdoria; retaggio dei piani iniziali di Marotta e dell’allora allenatore Gigi Delneri, il laterale elvetico non ha mai convinto Antonio Conte che ha preferito depennarlo dalla lista dei giocatori a lui graditi per la stagione scorsa. Buono il prestito al Fenerbahce nel 2012 (38 presenze e un gol), pur tuttavia non riuscendo a strappare il riscatto da parte della dirigenza turca; male, malissimo, l’esperienza in Russia con la Lokomotiv Mosca nella prima metà di questa stagione, quindi il ritorno a Istanbul dove ha giocato meno e ha definitivamente chiuso la sua esperienza col club gialloblu. Per lui si prospetta il terzo ritiro precampionato con la Juve, con un contratto in scadenza nel 2015; Ziegler si guarda attorno:

“Ho parlato con l’allenatore prima della finale (di Coppa di Turchia, vinta, ndr) e non abbiamo trovato un accordo per il futuro. Lui non mi poteva offrire garanzie ed io non posso permettermi di aspettare tutta l’estate la decisione del club perchè l’anno prossimo c’è il Mondiale. Sono stato due volte vice-campione di Turchia, due volte vincitore della Coppa e seminifinalista dell’Europa League: posso andarmene a testa alta con la consapevolezza di aver fatto il mio lavoro”.

Felipe Melo, come il collega, ha passato due anni in Turchia, stessa città ma sponda opposta; numero 10 del Galatasaray col quale ha vinto due scudetti (e quest’anno ha raggiunto i quarti di finale di Champions), il brasiliano ha il contratto coi bianconeri in scadenza nel 2015 (che lo prelevarono dalla Fiorentina per più di 20 milioni) e dopo due anni sul Bosforo pare finita la sua esperienza a Istanbul. In realtà è molto apprezzato dai tifosi e anche dall’allenatore Terim, in pratica il presidente Aysal Unal non vuole sganciare i 7 milioni per il riscatto, forse a causa dei suoi alti e bassi in campo e dal suo temperamento a volte imbarazzante. Melo vuole tornare in Brasile, intanto torna a Torino:

“Sarebbe un onore per me giocare al San Paolo, se il club può acquistarmi non ci sarebbe alcun problema. Credo, però, sia difficile che ciò accada. La soluzione del prestito sarebbe più semplice, ma la Juventus vuole cedermi a titolo definitivo. Il prezzo del mio cartellino è di circa 6-7 milioni di euro”.

Infine il capitolo Jorge Martinez. Il Malaka arrivò sotto la Mole nel 2010 per la cifra incredibile di 12 milioni di euro, bel pacco regalo dal mittente Catania; anche a causa di ripetuti problemi fisici “cannò” il primo anno in bianconero, quindi i prestiti a Cesena (13 presenze senza lasciar traccia) e Cluj in Romania (praticamente un fantasma). Ora torna in Piemonte in scadenza di contratto, ha mercato in patria e (forse) in Spagna, Marotta farebbe un miracolo se riuscisse a piazzarlo in prestito (oneroso), magari al Catania che esigerebbe un aiuto ai bianconeri per pagargli il ricco stipendio. Tre storie, stesso destino: a chi più a chi meno la Vecchia Signora ha dato una chance, l’amore non è scoccato e ora c’è da aspettare la fine del rapporto.

I Video di Calcioblog

Ultime notizie su Calciomercato Juventus

Tutto su Calciomercato Juventus →