Turchia | Tifosi di Galatasaray, Fenerbahce e Besiktas uniti nella rivolta

Le tre tifoserie, storicamente rivali, si schierano insieme a fianco dei manifestanti di piazza Taksim. A guidarli il gruppo ultrà Carsi, d’ispirazione anarchica.

di antonio

Continua la rivolta in Turchia. Nella notte tra domenica 2 e lunedì 3 giugno sono proseguiti gli scontri e le proteste contro il governo in numerose città della Turchia. Diversi gruppi di manifestanti si sono scontrati contro la polizia, che ha risposto con il lancio di lacrimogeni e utilizzando gli idranti. Alcune sedi del Partito per la Giustizia e lo Sviluppo (AKP), di cui è presidente il primo ministro turco Recep Tayyip Erdogan, sono stati incendiati. Oltre 1700 persone sono state arrestate in 67 diverse città del paese: molte di queste sono state rilasciate dopo poche ore, in seguito a una serie di accertamenti. Secondo Amnesty International ci sarebbero stati ieri «almeno due morti» negli scontri a Istanbul fra polizia e manifestanti anti-governativi.

Intanto proprio oggi i medici hanno dichiarato la “morte cerebrale” di un giovane colpito da un colpo d’arma da fuoco alla testa durante le proteste anti-governative ad Ankara. Le proteste vanno avanti da diversi giorni dopo l’annuncio del governo di voler tagliare gli alberi del Gezi Park di Istanbul per far posto ad un centro commerciale. Ma la motivazione “ecologica” è solo un pretesto che ha dato vita ad una lotta contro il governo di Recep Tayyip Erdogan e per le libertà civili. E’ una rivolta che tocca tutti i settori, compreso quello del tifo calcistico.

Le tifoserie dei tre principali club calcistici cittadini hanno infatti annunciato l’intenzione di accantonare la storica rivalità sportiva e schierarsi a fianco delle migliaia di persone che protestano da venerdì nella centralissima Taksim. Un comunicato ufficiale e senza precedenti, che porta le firme di UltrAslan (Galatasaray), Vamos Bien (Fenerbahce) e Çarşı (Besiktas), ha annunciato la “triplice alleanza”. La decisione, si legge nel documento postato online (e ripreso dal quotidiano Hurriyet), è stata presa per rispondere alle violenze messe in atto dalla polizia contro i dimostranti nel corso delle ultime 48 ore. A promuovere l’iniziativa sarebbero stati gli ultras Carsi, gruppo d’ispirazione anarchica.

I Video di Calcioblog