Padova, crisi nerissima: via Marcolin, arriva l'esperto Bortolo Mutti

Fine settembre, la Serie B è già nel vivo: ad oggi sono già ben quattro gli avvicendamenti in panchina con Latina e Palermo che hanno sostituito Auteri e Gattuso rispettivamente con Breda e Iachini, Maifredi ha preso l'eredità del dimissionario Giampaolo a Brescia e, ultimo in ordine di tempo, l'esonero di Marcolin a Padova. La compagine biancoscudata è in crisi che definire nera è forse un eufemismo: dopo anni di gestione Cestaro, quest'estate è stata rilevata da Diego Penocchio, già vice-presidente del Parma (è molto amico di Ghirardi) e da anni smanioso di entrare nel mondo del calcio, che ha pensato bene di affidarsi a due ex "modenesi" quale Alessio Secco come direttore sportivo e appunto Dario Marcolin per la panchina.

Male, malissimo l'avvio di stagione dei veneti: una vittoria in Coppa Italia con la Virtus Entella seguita dal ko a Trapani, sconfitta bissata anche in campionato; fino a questo momento il Padova in Serie B ha giocato 6 partite (col Carpi è stata sospesa ed è ancora sub judice con annesse polemiche) conquistando appena un punto (col Latina) e collezionando per il resto 5 sconfitte. L'ultima col Modena è stata particolarmente umiliante con la doppietta dell'ex Babacar fornendo una prestazione orribile; solo 2 gol fatti (da Pasquato e Trevisan), 12 subiti, al termine della disfatta del Braglia Penocchio ha sciolto le riserve e ha chiamato Bortolo Mutti per risollevare le sorti di una squadra smarrita e depressa. Oggi la presentazione dell'esperto tecnico bergamasco:

"Non mi aspettavo di ritrovarmi qui a Padova, ho deciso di imbarcarmi in questa situazione di lavoro che mi intriga. Mi sono sentito coinvolto dal progetto e l'ho sposato. Stamattina ho trovato una squadra provata da quanto è successo. Ritengo che il gruppo sia adeguato per uscire da questo momento. I 50 punti della salvezza sono alla portata del Padova, ci sono sette otto squadre alla nostra portata. Ora serve fiducia nei nostri mezzi. Andremo in ritiro a Desenzano. In questi giorni valuterò modulo e sistema di gioco, dobbiamo invertire la rotta".

C'è ancora una stagione davanti e la rosa patavina non è delle peggiori: lavoro, applicazione e psicologia, già col Varese sabato prossimo Mutti dovrà cercare di fare punti.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail