Spavento a Vinovo, Degeri del Pavia perde i sensi durante l’amichevole con la Juve – Aggiornamenti

Terribile scontro tra il giovane del Pavia e Padoin che è stato trasportato in ospedale.

Ci sono stati veri e propri attimi di terrore allo Juventus Center di Vinovo dove oggi era in programma l’amichevole tra i bianconeri e il Pavia. Dopo pochi minuti dal fischio di inizio Lorenzo Degeri, centrocampista ventunenne dei lombardi, ha rimediato una ginocchiata alla testa, ovviamente fortuita, da Simone Padoin, il colpo è stato molto duro e ha subito perso i sensi. Marco Storari dal campo si è subito accorto della gravità dell’infortunio e ha urlato alla panchina di accorrere immediatamente con il defibrillatore. I sanitari hanno prestato i primi soccorsi al ragazzo che non è mai andato in arresto cardiaco, dopo qualche minuto di ansia e preoccupazione ha riaperto gli occhi, mentre nel frattempo erano state chiamate le ambulanze.

In un primo momento Degeri pur essendo sveglio non è sembrato lucidissimo, con il passare del tempo ha iniziato a rispondere alle domande dei medici che comunque hanno sempre tenuto la situazione sotto controllo. Quando è arrivata l’ambulanza il calciatore era abbastanza lucido, è stato trasportato al vicino ospedale Santa Croce di Moncalieri dove verrà sottoposto agli esami strumentali utili in casi come questi. In particolare pare che abbia perso sangue dalla bocca, sarà quindi fondamentale verificare che il colpo subito non abbia prodotto nessun danno serio internamente, ma tra i sanitari c’è un moderato ottimismo sull’evolversi positivo della vicenda.

Ovviamente durante quei lunghi minuti di paura la partita è stata sospesa, in un primo momento si pensava di arrivare alla cancellazione della stessa, quando le condizioni di Degeri sono apparse meno gravi si è deciso di ricominciare. Nelle prossime ore ci saranno nuovi aggiornamenti sulle condizioni del centrocampista del Pavia che riporteremo, sperando che da Moncalieri arrivino soltanto buone notizie.

16:20 – Il responsabile dello staff medico bianconero, Luca Stefanini, ha ricostruito quanto accaduto sul terreno di gioco raccontando quello che è accaduto: “Siamo subito intervenuti, abbiamo effettuato le prime manovre di soccorso, con l’arrivo immediato del defibrillatore che è stato apposto per sicurezza per monitorare il giocatore, ma non è stata effettuata nessuna scarica. Il ragazzo ha sempre respirato e il battito del cuore c’è sempre stato”.

17:18 – Lorenzo Degeri è stato trasportato al CTO di Torino, di lui si sta occupando il neurologo di fiducia della Juventus, il Professor Benech. Tutti gli esami a cui è stato sottoposto fino ad ora hanno dato esiti negativi, per precauzione resterà comunque sotto osservazione fino a domani mattina.

Seguono aggiornamenti.