Inter – Sampdoria 1-1 | Risultato finale | Renan in extremis regala il pareggio ai blucerchiati

La diretta di Inter – Sampdoria, aggiornamenti in tempo reale a partire dalle 15.

Inter – Sampdoria | Formazioni ufficiali

14:15 – Ecco le formazioni ufficiali della partita. Non ci sono novità rispetto a quanto annunciato alla vigilia, Zanetti torna titolare per sostituire l’infortunato Nagatomo, in attacco Palacio con il supporto di Guarin alle sue spalle, in difesa Rolando preferito a Ranocchia. La Samp risponde con Pozzi, dietro di lui il trio Gabbiadini-Eder-Soriano.

Inter (3-5-1-1): Handanovic; Campagnaro, Rolando, J. Jesus; Jonathan, Taider, Cambiasso, Alvarez, Zanetti; Guarin; Palacio.
A disposizione: Carrizo, Castellazzi, Pereira, Ranocchia, Wallace, Olsen, Andreolli, Donkor, Mudingayi, Puscas, Kovacic, Belfodil.
Allenatore: Mazzarri
Squalificati: nessuno
Indisponibili: Chivu, Icardi, Milito, Mariga, Samuel, Kuzmanovic, Nagatomo

Sampdoria (4-2-3-1): Da Costa; De Silvestri, Mustafi, Gastaldello, Costa; Palombo, Obiang; Gabbiadini, Eder, Soriano; Pozzi.
A disposizione: Fiorillo, Tozzo, Fornasier, Castellini, Maresca, Wszolek, Eramo, Rodriguez, Regini, Sansone, Renan, Bjarnason, Petagna.
Allenatore: Mihajlovic
Squalificati: Krsticic
Indisponibili: Berardi, Salamon, Poulsen, Gentsoglou

Inter – Sampdoria | Come vederla in tv e streaming

13:00 – Ecco tutte le informazioni per seguire la partita di San Siro in tv e in streaming. Chi sceglie Sky deve collegarsi al canale Calcio 1 HD (251), la telecronaca dell’incontro sarà di Daniele Barone, accompagnato da Carlo Muraro. A bordocampo e alle interviste del post partita ci sono Andrea Paventi, Massimiliano Nebuloni, Silvia Vallini e Matteo Barzaghi, la telecronaca del tifoso sarà come sempre a cura di Roberto Scarpini. Gli abbonati a Mediaset Premium devono invece scegliere i canali Calcio 1 e Calcio HD (371 e 381), per loro la cronaca sarà di Federico Mastria affiancato da Roberto Cravero, in campo ci saranno invece Marco Barzaghi e Matteo Leonardi, la cronaca faziosa è di Christian Recalcati. Entrambe le piattaforma streaming, Sky Go e Premium Play, mettono a disposizione la diretta della partita su tablet e smartphone.

Inter vs Sampdoria ore 15.00
diretta su Sky Calcio 1 HD (canale 251)
Telecronaca: Daniele Barone – Commento: Carlo Muraro
Bordocampo ed interviste: Andrea Paventi, Massimiliano Nebuloni, Silvia Vallini e Matteo Barzaghi
Secondo flusso audio: Roberto Scarpini (telecronaca Inter)
Inter vs Sampdoria ore 15.00 (disponibile anche in HD)
diretta su Premium Calcio 1 e Premium Calcio HD (can. 371-381)
Disponibile in diretta streaming su PREMIUM PLAY
Telecronaca: Federico Mastria – Commento tecnico: Roberto Cravero
Bordocampo ed interviste: Marco Barzaghi, Matteo Leonardi
Secondo flusso audio: Christian Recalcati (telecronaca Inter)

È il grande giorno di Erick Thohir, il nuovo presidente dell’Inter sarà per la prima volta in tribuna a San Siro, a dargli il benvenuto Figo e Stankovic, insieme a tanti ex campioni nerazzurri. Ma la squadra non si deve lasciar distrarre dal clima di festa, la partita con la Sampdoria nasconde molte insidie e lo sa bene Mazzarri che tiene alta la concentrazione dei suoi, servono i tre punti per non perdere il treno delle prime in classifica e c’è da riscattare il pareggio con il Bologna della scorsa settimana. Anche i blucerchiati vengono da un 1-1, beffardo, arrivato nei minuti di recupero grazie al gol di Cana, quando già tutti pensavano di poter celebrare un esordio con vittoria di Mihajlovic.

L’allenatore nerazzurro deve fare i conti con gli infortuni, in difesa gli mancano Chivu e Samuel, ma l’assenza che crea più problemi è quella di Nagatomo. Per la fascia sinistra Mazzarri sta pensando di far partire Zanetti dal primo minuto, l’alternativa sarebbe Alvaro Pereira, ma l’argentino sembra essere favorito. Ci sono invece i soliti noti a centrocampo, il cardine della linea mediana sarà come sempre Cambiasso, ai suoi lati Taider e Alvarez. Leggermente più avanti Guarin che sarà il supporto all’unica punta che sarà ovviamente l’insostituibile Palacio. D’altra parte per l’attacco le alternative non sono molte, in pratica a disposizione c’è il solo Belfodil, con Icardi e Milito fermi ai box.

Mihajlovic alla vigilia ha dichiarato che non andrà a San Siro per difendersi, non è nel suo Dna e vuole provare a fare male alla sua ex squadra. Tanti i suoi anni all’Inter, compresi quelli come spalla di Roberto Mancini in panchina, ma ora il serbo pensa solo a tirare fuori i blucerchiati dalla difficile situazione in cui si sono cacciati. Il modulo sarà il 4-2-3-1, meno probabile che ricorrerà al 4-3-3. L’unica punta dovrebbe essere Pozzi, dietro di lui un trio composto da Gabbiadini, Eder e Soriano, cambi rispetto alla settimana scorsa in cui c’erano Krsticic, oggi squalificato, e Wszolek. Il lavoro duro a centrocampo lo faranno Palombo e Obiang, davanti alla linea a quattro con De Silvestri, Mustafi, Gastaldello e Costa.

Inter – Sampdoria | Probabili formazioni

INTER (3-5-1-1): Handanovic; Campagnaro, Rolando, Juan Jesus; Jonathan, Taider, Cambiasso, Alvarez, Zanetti; Guarin; Palacio.
A disposizione: Carrizo, Castellazzi, Andreolli, Ranocchia, Pereira, Wallace, Kovacic, Donkor, Mudingayi, Puscas, Belfodil.
Allenatore: Walter Mazzarri.
Infortunati: Chivu, Icardi, Milito, Mariga, Samuel, Kuzmanovic, Nagatomo.
Squalificati: nessuno.

SAMPDORIA (4-2-3-1): Da Costa; De Silvestri, Mustafi, Gastaldello, Costa; Palombo, Obiang; Gabbiadini, Eder, Soriano; Pozzi.
A disposizione: Fiorillo, Tozzo, Fornasier, Renan, Gavazzi, Eramo, Bjarnason, Barillà, Regini, Maresca, Wszolek, Petagna.
Allenatore: Sinisa Mihajlovic.
Infortunati: Berardi, Salamon, Gentsoglou.
Squalificati: Krsticic.

Arbitro: Russo (guardalinee Tasso e Meli, quarto uomo Giachero, arbitri di porta Celi e Di Paolo)

Inter – Sampdoria | Precedenti

Sono 56 i precedenti in Serie A tra nerazzurri e blucerchiati, con la squadra di casa ovviamente in netto vantaggio. L’Inter ha fatto sua la sfida contro i genovesi in 34 occasioni, l’ultima volta la scorsa stagione. La partita è finita 3-2 per la milanese che ha risposto al gol iniziale di Munari con Milito, Palacio e Guarin, inutile il gol di Eder in pieno recupero. Sono invece 15 i pareggi, l’ultimo nel 2010/2011 nell’anno in cui la Samp finì con il retrocedere in B, il gol del vantaggio era stato di Guberti, Eto’o aveva riaggiustato le cose a dieci minuti dalla fine. Sono infine solo 7 le vittorie dei genovesi che non riescono a espugnare San Siro dal lontano 1996/1997, vinsero 4-3 con un Montella protagonista grazie alla sua doppietta, in gol anche Roberto Mancini, la sua rete fu decisiva per la vittoria.

I Video di Calcioblog