Juventus, Conte in conferenza stampa: "Ma quale fallimento? Fuori dalla Champions, ma ora dobbiamo concentrarci sul Sassuolo"

L'allenatore salentino invita a non pensare alle "fesserie" tipo la finale di Europa League allo Juventus Stadium ma all'impegno di domani contro il Sassuolo

Antonio Conte, nella conferenza stampa alla valigia della gara di campionato contro il Sassuolo, non ci sta a chi parla di fallimento per la sua Juventus dopo l'eliminazione inattesa in Champions League a seguito dalla sconfitta contro il Galatasaray rimediata mercoledì pomeriggio. Il tecnico bianconero ha usato l'ironia per contestare le critiche:

Fallimento? Fallimento di cosa? Che non abbiamo vinto la Champions? Se quello era l'obiettivo stagionale, allora è un fallimento. In effetti l'avevo messo come obiettivo principale la vittoria della Champions, avevo parlato di triplete...

L'allenatore della Juve ha comunque ammesso che "potevamo sicuramente fare un percorso più lungo" anche se ha ricordato che "abbiamo fatto un miracolo a tornare protagonisti in Italia dopo due settimi posti" e che "l'anno scorso siamo arrivati ai quarti in Champions, eliminati dal Bayern". Tornando ad analizzare le sei gare disputate in Europa quest'anno, Conte ha detto:

Quest'anno il cammino è stato all'inizio non buono e ci ha pregiudicato. Ma ci vuole tempo, chi pensa che le vittorie nascono dall'oggi al domani significa che non ha mai vinto in vita sua. C'è un percorso da seguire, fatto di lavoro, di cadute. Per me vedere una squadra italiana in finale di Champions da qui a tanti anni a venire sarà molto dura.

Conte si è detto fiducioso sulla capacità dei suoi uomini di voltare pagina anche perché "non è la prima volta che siamo caduti sul campo, quest'anno anzi abbiamo incassato due sconfitte di fila per la prima volta nella mia gestione". Necessario però sarà lasciar perdere le "fesserie" tipo l'eventuale finale di Europa League a Torino e concentrarsi sul presente.
Per quanto riguarda le domande inerenti alla sfida di domani contro il Sassuolo, Conte come al solito non si è sbilanciato anche se ha notato che in attacco Vucinic (e molto probabilmente anche Giovinco) non sarà disponibile, mentre a centrocampo assenti saranno sia Pirlo sia Marchisio, il primo per infortunio, il secondo per squalifica. Possibile, dunque, lo spostamento al centro di Asamoah.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail