Ternana, minacce all’arbitro: 7 giornate di squalifica al portiere Brignoli

Stangata per il club umbro che milita in Serie B: per frasi irriguardose nei confronti dell’arbitro 4 turni anche al laterale Zito

Pesantissima la scure del giudice sportivo sulla Ternana: in seguito ai fatti accaduti durante l’ultima partita casalinga, persa contro il Bari con il risultato di 1-3, sono stati squalificati il portiere Alberto Brignoli e il laterale Andrea Zito. Il primo dovrà scontare ben 7 giornate di squalifica per aver minacciato il direttore di gara, mentre il suo compagno di squadra “se la cava” con 4 giornate per aver tenuto un comportamento irrispettoso nei confronti dell’arbitro al triplice fischio finale. Sia Brignoli sia Zito erano stati espulsi dal direttore di gara di Ternana – Bari, che aveva sventolato loro il rosso diretto.

Una brutta tegola per la Ternana di Tesser a cinque giornate dal termine. Gli umbri, 45 punti in classifica, si trovano in una posizione intermedia, a poche lunghezze di distanza dalla zona calda, ma anche con qualche speranza ancora di agguantare un posto nei playoff per la promozione in serie A. La stangata del giudice sportivo, però, priverà la Ternana del suo portiere da qui a fine campionato e nelle prime due giornate della Serie B 2014-2015, mentre Zito sarà a disposizione di tesser solo all’ultima giornata.

Leggendo il referto arbitrale, però, il giudice sportivo non ha potuto decidere altrimenti, Nello specifico, in merito alla posizione del portiere Brignoli, si legge nella nota ufficiale che è stato punito per “avere, al 48° del secondo tempo, assunto un atteggiamento minaccioso ed intimidatorio nei confronti dell’Arbitro, strattonandogli con entrambe le mani l’avambraccio destro nel tentativo di impedirgli di assumere un provvedimento di espulsione nei confronti di un compagno di squadra, reiterando tale atteggiamento, prima stringendogli il taschino della divisa, successivamente colpendogli il braccio destro proteso per la notifica del provvedimento, infine, all’atto della propria espulsione, rivolgendogli espressioni ingiuriose”.

L’estremo difensore della Ternana, ha cercato in tutti i modi di impedire all’arbitro di tirare fuori il cartellino rosso nei confronti di un avversario e poi nei suoi confronti, comportamento mostrato chiaramente dalle immagini TV. Pesantissime anche le accuse nei confronti del laterale Zito, squalificato per quattro turni “per aver tenuto un comportamento scorretto nei confronti di un avversario; per avere inoltre, assunto un atteggiamento intimidatorio nei confronti di un avversario e, per avere infine, al termine della gara, al rientro negli spogliatoi assunto un atteggiamento irrispettoso nei confronti dell’Arbitro”. Come si legge sul sito ufficiale della Ternana, il club umbro farà ricorso avverso le pesanti decisioni del giudice sportivo nella speranza di ottenere un forte sconto di pena.