Inter, cori contro Balotelli e i napoletani: chiuso un altro anello della Curva Nord

Il giudice sportivo Giampaolo Tosel ha chiuso anche il secondo anello della Curva Nord dell’Inter: la sanzione sarà scontata contro la Lazio

Ancora una pesante sanzione nei confronti della Curva Nord dell’Inter: il giudice sportivo Giampaolo Tosel ha disposto la chiusura per un turno del secondo anello verde in seguito a quanto accaduto durante il derby milanese di domenica scorsa. I tifosi dell’Inter che occupavano quel settore dello stadio di San Siro, hanno intonato nel corso della gara persa per 1-0 contro i cugini del Milan, cori contro Mario Balotelli e i napoletani. I cori sono stati uditi chiaramente dagli ispettori federali che hanno registrato il tutto e fornito il materiale al giudice sportivo, che ha anche inflitto una multa da 50 mila euro alla società dell’Inter.

Si tratta del terzo provvedimento in questo senso della stagione nerazzurra: prima la squalifica della Curva con la condizionale per gli insulti nel derby d’andata rivolti dai tifosi nerazzurri a Balotelli, Muntari e De Jong; poi i cori di discriminazione territoriale nei confronti dei napoletani durante l’ultima sfida di San Siro contro i partenopei. Proprio in quell’occasione, il giudice sportivo decise la revoca della condizionale concessa in prima istanza, squalificando il terzo anello della Curva Nord dell’Inter per le successive due partite casalinghe, quella contro la Lazio e la prima del prossimo campionato di Serie A. Ora si aggiunge anche la chiusura del secondo anello, ma solo per un turno, ossia per la sfida del prossimo weekend contro i biancocelesti.

Sempre nella giornata di oggi, il giudice sportivo di Serie A ha comunicato di aver multato anche il Milan sia per l’ingiustificato ritardo del calcio d’inizio (i calciatori di Seedorf si sono presentati in campo con circa 3 minuti di ritardo), sia per l’invasione di campo di un suo sostenitore che, dopo aver superato gli steward, ha passeggiato pacificamente sul terreno di gioco del Meazza consegnandosi in pochi secondi alla sicurezza dello stadio.