Roma-Juventus le pagelle: Storari e Osvaldo, 99 motivi per essere i migliori

La Juve viola anche l’Olimpico di Roma con un gol all’ultimo minuto di Pablo Daniel Osvaldo. E’ a quota 99 punti.

Missione compiuta? No, non solo. Arriva anche la beffa finale per la Roma, sconfitta sul gong dalla super Juventus con il gol di Osvaldo, l’ex fischiatissimo dal pubblico giallorosso. La Juve raggiunge la stratosferica cifra di 99 punti. E domenica contro il Cagliari può superare i 100, qualcosa di mostruoso. Alla fine, il Grazie Roma dell’Olimpico suona quasi sarcastico con Tevez e compagni che festeggiano sotto lo spicchio di curva ospite.

Ma vediamo le pagelle della super sfida dell’Olimpico:

STORARI 7.5: Salva la Juve in almeno 3-4 occasioni, tanto da meritarsi la palma di migliore in campo. Bravissimo a non buttarsi a terra sul tiro di Gervinho, strepitoso su Nainggolan e Florenzi prima che arrivi il colpo di Pablo Daniel.

BARZAGLI 6.5: Decisamente dalle sue parti Gervinho ha più problemi a passare. Il migliore della retroguardia dei campioni d’Italia all’Olimpico.

BONUCCI 5.5: Se evitasse di sentirsi troppo sicuro con la palla tra i piedi, in zone pericolose, eviterebbe ai tifosi parecchi “mannaggia”. Per non dire altro.

CHIELLINI 5: Soffre troppo Gervinho, comunque cliente difficilissimo per la sua velocità. Litiga subito con Totti, poi con Pjanic (e rischia l’espulsione per una gomitata). Alla fine, non è solo il più fischiato dalla Sud, ma anche il bersaglio dei colpi (proibiti) dei giocatori di Garcia.

LICHTSTEINER 6.5: Sogna il gol contro la Roma e ci va vicino. Presente sulla fascia, partita ordinata. Con il guizzo dell’assist vincente.

ASAMOAH 6.5: Chiude le falle che talvolta si aprono nella difesa bianconera. Corre. Corre.

POGBA 6.5: Nel primo tempo è indomabile e colpisce pure un palo. Nella ripresa, sta più sulle sue, ma ciò non gli impedisce di sfiorare di nuovo il gol.

PIRLO 6: Niente di particolare da segnalare. Ma una sua punizione con lancio millimetrico merita applausi convinti.

PADOIN 5.5: Gioca una partita senza infamia e senza lode, ma prima di uscire rischia la frittata. Da qui l’insufficienza.

MARCHISIO S.V.: Entra per fare festa.

CACERES 6: Se la gioca nel finale con un buon intervento in scivolata.

TEVEZ 5.5: No, non incide. Niente di particolare da segnalare all’Olimpico per l’Apache.

LLORENTE 6.5: Nel primo tempo punge che è una meraviglia e la difesa giallorossa non riesce a contenerlo. Cala nella ripresa.

OSVALDO 7: Beh, che dire? Primo gol in maglia juventina, inutile ai fini della classifica, ma importante perché segnato contro 60 mila che lo fischiano. Chissà che non gli valga il riscatto e la riconferma.

ALL. CONTE 7: La sua Juve segna ancora. Vince ancora. Si avvicina ai 100 punti. Davvero, più di così in Italia è impossibile fare. Ma la Juve deve fare il possibile per non perderlo.

ROMA: Skorupski 7, Torosidis 6.5, Benatia 5.5, Castan 6, Bastos 5, Nainggolan 6.5, De Rossi 6, Pjanic 6, Gervinho 7, Totti 5.5, Destro 6, Toloi 5.5, Florenzi 6, Taddei 6. All.: Garcia 6.