Rep. Democratica del Congo | Scontri: 15 tifosi morti per il crollo di un muro

Tragedia in un match di calcio africano

di antonio

Tragedia in partita di calcio africano, nella Repubblica Democratica del Congo. Almeno quindici persone hanno perso la vita per soffocamento e altre 24 sono rimaste ferite a Kinshasa, nella capitale dello stato africano. Durante la partita valida per l’ultima giornata dei play off tra l’ASV Club e il Tout Puissant Mazambe, due squadre tra le più popolari del paese, si sono verificati violenti scontri tra i tifosi e la polizia. Secondo quanto riportato da una radio locale un muro dello stadio è crollato provocando la strage. Il grave bilancio degli incidenti è stato confermato dal governatore della città André Kimbuta, che si è recato con il ministro dell’Interno, Richard Muyej, all’ospedale Mama Yemo, dove alcuni dei feriti sono stati trasferiti.

Kimbuta ha promesso “una commissione d’inchiesta per individuare le eventuali responsabilità“. Radio Okapi riferisce alcuni particolari che hanno generato la ressa e gli scontri:

“I tifosi dell’ASV Club non hanno apprezzato il gioco della squadra. Hanno quindi cominciato a lanciare oggetti nell’area di gioco, costringendo l’arbitro ad interrompere la partita più volte”.

La situazione è degenerata totalmente a pochi minuti dal termine del match, quando i tifosi hanno cominciato un fitto lancio di pietre. Poi, “è scoppiata una violenta rissa, mentre il Tout Puissant Mazembe conduceva per un gol a zero” riporta il servizio pubblico radiotelevisivo congolese. La polizia è intervenuta sparando gas lacrimogeni per calmare i tifosi presenti nella curva dell’ASV Club, ma a quel punto il caos ha preso il sopravvento e “nella fuga precipitosa un muro dello stadio è crollato“, riporta ancora Radio Okapi. Una fonte della polizia ha annunciato che il numero delle vittime potrebbe essere superiore a 18. Le notizie, come spesso accade per quei luoghi, arrivano a singhiozzo. Twitter, in questi casi, è una fonte molto preziosa.