Accoltellato l’attaccante senegalese del Vicenza Lo Youssou

Aggredito in un parco di Vicenza l’attaccante della squadra biancorossa Lo Youssou. E’ in prognosi riservata.

Lo Youssou, attaccante senegalese del Vicenza di 22 anni, è stato accoltellato la notte scorsa in un parco della città. E’ ricoverato in prognosi riservata. Non sono chiari i motivi che hanno portato all’aggressione del giocatore, né l’identità degli aggressori. La Squadra Mobile vicentina aspetta di sentire la testimonianza diretta della vittima per fare luce sul caso.

Lo Youssou è stato raggiunto da una coltellata al costato, molto profonda, al punto che il 22enne giocatore di colore è stato ricoverato in rianimazione. Una prima ricostruzione del fatto parlerebbe di un’aggressione avvenuta nel cuore di Campo Marzo, parco vicino alla stazione di Vicenza. Poco dopo la sconfitta subita dai biancorossi nei playoff di Lega Pro ai rigori.

Gli inquirenti al momento non escludono alcuna ipotesi: dall’aggressione per rapina a motivi calcistici o di razzismo. Lo Youssou, nella sfida contro il Savona, aveva visto la sua squadra perdere dalla tribuna. E, in serata, aveva deciso di sbollire la tensione accumulata facendo una passeggiata. Non avrebbe mai pensato di finire quella camminata in rianimazione.

Nonostante la ferita profonda, è stato proprio il senegalese a chiamare un taxi per farsi portare al pronto soccorso. Acquistato nel 2006 dall’Udinese, Lo Youssou aveva esordito nel dicembre del 2012 contro la Pro Vercelli.