Il Bologna ha scelto Zeman per tornare in serie A

Ieri a Roma incontro tra il presidente del Bologna Guaraldi e l'allenatore Zeman, chiuso con una stretta di mano.

Una svolta radicale per il Bologna appena retrocesso. Riconquistare subito la A, per una piazza come quella rossoblù, è d'obbligo. Ed ecco quindi spuntare l'idea Zdenek Zeman, uomo capace di far divertire e, in serie B, anche di vincere. Questa è l'indiscrezione del Corriere dello Sport. L'incontro ci sarebbe stato ieri a Roma. Da una parte il contestatissimo presidente bolognese, Albano Guaraldi, accompagnato dal consulente Emanuele Righi; dall'altra, il boemo.

Quello che è certo è che in Emilia non si proseguirà con Davide Ballardini. Tra i nomi in ballottaggio, fino a oggi c'erano Baroni e Pioli, ma adesso Zeman pare aver superato tutti. Guaraldi ha chiesto a quest'ultimo la disponibilità a guidare una squadra che vuole fortissimamente la promozione. Per il pres, è Zeman l'allenatore in grado di riportare entusiasmo e speranza in un ambiente mortificato.

Non solo: il Bologna ha intenzione di puntare sui giovani. E chi meglio del boemo per guidarli e trasformarli in un gruppo vincente? Pazienza per i precedenti che parlano di difese troppo allegre. La filosofia del Bologna vuole essere quella di fare un gol in più dell'avversario di turno. Guaraldi è pronto a uno sforzo economico importante per vincere le ultime resistenze dell'allenatore.

Anche perché puntare sui giovani, con Zeman in panchina, quasi sempre significa valorizzare i giocatori. Che poi diventano autentici pezzi pregiati da rivendere sul mercato. Il Bologna non intende fare spese folli sul prossimo mercato. E Zeman non è uno che chiede grossi calibri. Anzi. Lui lavora meglio con gente di prospettiva, che corre e che non ha paura del lavoro intenso. L'entusiasmo, poi, cresce con i risultati.

Zeman

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail