Bullard accusa Capello: “Quando era CT dell’Inghilterra facevamo la fame”

Jimmy Bullard, ex mediano del Fulham e della nazionale inglese, racconta alcuni aneddoti sull’ex CT Fabio Capello: “Ci trattava come bambini”, rivela

“Fabio Capello ci trattava come bambini: ci negava anche cibo e acqua”. A rivelarlo è Jimmy Bullard, ex centrocampista del Fulham e della nazionale inglese nella sua autobiografia, di cui alcuni stralci sono stati pubblicati oggi dal Daily Mail. Già qualche anno fa circolarono indiscrezioni sui metodi di Capello ai tempi in cui era CT dell’Inghilterra, ma ora ci sono le parole di uno dei giocatori che il tecnico italiano convocò per uno stage.

“Capello era terribile – confessa Bullard -. In due settimane con l’Inghilterra mi avrà rivolto due frasi. Con lui non si può ridere, non può esserci allegria. Ci impediva di mangiare se avevamo fame, potevamo farlo solo quando era lui ad ordinarlo. Non si poteva nemmeno bere un drink. Ci trattava come dei bambini, una cosa insopportabile”.

Giocatori sottoposti ad un regime ferreo e puniti se non avessero seguito alla lettera il regolamento interno. Un racconto che cozza con quanto dichiarato qualche mese fa lo stesso Capello nel corso di una diatriba mediatica che durò anche diversi giorni, con l’attuale tecnico della Juventus, Antonio Conte. “Io sono contro le punizioni – ebbe a dire l’attuale CT della Russia – Non entro nel merito delle decisioni di Conte, ma io non ho mai punito”. Se non si tratta di punizioni, poco ci manca: in Inghilterra lo ricordano come un sergente di ferro intransigente soprattutto quanto al regime alimentare.

C’è chi parla addirittura di lunghi cicli di digiuno forzato (fino ad otto ore) e di diete fatte principalmente di cereali e toast. Le cronache inglesi riferiscono anche di giocatori colpiti da nausea e vomito durante i ritiri, proprio per la dieta imposta da Capello:

“Sono stato un professionista e ho accettato le regole del c.t. – prosegue nel racconto Bullard -, ma tutto ciò era noioso. E tremendo. Avevamo una fame incredibile…”.

Non è dato sapere se le stesse regole alimentari siano ancora imposta dal CT Capello anche agli atleti russi. Probabilmente, vista la location dei prossimi Mondiali – il Brasile – l’ex tecnico di Milan e Juventus sarà un po’ più permissivo per evitare di ritrovarsi in campo giocatori sfiniti.

Ultime notizie su Allenatori

Tutto su Allenatori →