Maradona a Napoli: “Sono tornato a casa mia” (VIDEO)

L’argentino è tornato in Italia anche per sistema questioni di natura legale e fiscale

Ieri Diego Armando Maradona ha presenziato sul lungomare di Napoli alla gara di motonautica XCat. L’ex numero 10 azzurro è stato come al solito accolto da centinaia di tifosi festanti che gli hanno dedicato cori e saluti calorosi, ricambiati con un sentito “sono tornato a casa mia”, come potete ascoltare nel video in apertura di post. L’argentino ha poi affiancato il pilota Matteo Nicolini e, dopo aver indossato casco e protezioni, è salito a bordo del catamarano da gara italiana di Tomaso Poli.

Il Pibe de Oro ha guidato la barca per un breve giro nel Golfo ed è poi tornato sulla banchina accanto alla Rotonda Diaz. Il viaggio in Italia di Maradona, che ha anche sfoggiato una maglietta con la scritta ‘Chi non salta è bianconero‘, (con provocatorio riferimento alla Juve, anche se la t-shirt nasce da un’iniziativa antirazzismo), è stato motivato anche da impegni di natura giudiziaria-fiscale.

Infatti, accompagnato dagli avvocati Angelo e Sergio Pisani, Maradona si è recato dal pm Claudia DeLuca per ribadire la volontà di procedere con la querela per diffamazione nei confronti di Gene Gnocchi. L’episodio risale al 17 febbraio scorso quando il comico nel corso della diretta de Il processo del lunedì fece la seguente battuta:

Maradona può fare l’ambasciatore della Colombia e del cartello di Medellin.

Frase per la quale lo stesso Gnocchi si era scusato pubblicamente pur precisando che “il pezzo era improntato sull’ironia”.

Maradona in giornata è andato anche in commissione tributaria per depositare una perizia tecnica dalla quale, secondo quanto viene riferito dalla difesa, emerge l’assoluta estraneità dell’ex calciatore alle contestazioni del fisco italiano.

I Video di Blogo

Video, Olbia-Monza, Berlusconi ai tifosi: “Scusate, vi devo salutare perché devo andare a [email protected]