Nigeria - Scozia 2-2: gollonzi e autogol clamorosi, ipotesi combine [Video]

L’ombra del calcioscommesse su una prestigiosa amichevole internazionale. In Gran Bretagna hanno avanzato dubbi sulla regolarità della gara pre-mondiale tra Nigeria e Scozia, giocata ieri a Craven Cottage. Gli africani si stanno preparando alla coppa del Mondo in Brasile, dove esordiranno tra circa due settimane, mentre gli scozzesi guarderanno la rassegna iridata solo in televisione. Il risultato finale di 2-2, però ha lasciato più di qualche sospetto negli osservatori internazionali: già prima della partita, qualcuno aveva avanzato sospetti di combine, ma i dubbi sono aumentati dopo aver visto le realizzazioni che hanno portato al risultato finale.

Nonostante non ci si giocasse nulla, dunque, pare che il calcio scommesse avesse già messo gli occhi sulla gara amichevole tra Nigeria e Scozia. I sospetti di combine si sono poi materializzati 32’, quando il portiere della Nigeria, Austin Ejide, ha deviato nella propria porta un cross scozzese proveniente dalla sinistra. Un intervento goffo che, seppur la realizzazione sia stata poi annullata dall’arbitro, ha destato più di una perplessità. La Scozia era già in vantaggio di un gol e sembra che la nazionale africana volesse far andare in doppio vantaggio la selezione delle Highlands.

Scotland v Nigeria - International Friendly

Nella ripresa, poi, nuovi sospetti sulla rete del 2-1 a favore della Scozia, con il difensore nigeriano Azubuike Egwuekwe che mette la palla alle spalle del proprio portiere. Al 90’, infine, il 2-2 finale con Nwofor che approfitta di una quantomeno svagata difesa avversaria. La Fifa pare abbia ricevuto segnalazioni di puntate anomale prima della partita e poi di accadimenti strani in campo poi. Tra i flussi di giocate anomali, ieri, si è registrato su Nigeria - Scozia una predominanza del segno X2, nonostante gli africani fossero i favoriti della vigilia. Non è escluso che gli autori degli autogol, Ejide, Egwuekwe, siano ascoltati presto dagli ispettori della Fifa.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail