Cristiano Ronaldo ancora infortunato. Mondiale a rischio

Il Mondiale brasiliano rischia di perdere uno dei protagonisti più attesi ancora prima del suo inizio. In Portogallo, infatti, sono molto preoccupati dalle condizioni fisiche di Cristiano Ronaldo che sta lottando con un'infiammazione al tendine rotuleo del ginocchio sinistro, lo stesso infortunio che l'ha costretto a restare a riposo prima della finale di Champions League. Anche se a Lisbona contro l'Atletico il madridista è sceso regolarmente in campo, il suo problema fisico non è ancora stato risolto.

La situazione è anzi piuttosto grave perché, a 16 giorni dall'esordio del Portogallo nella Coppa del Mondo contro la Germania, il CT Paulo Bento ha già fatto sapere che molto probabilmente Ronaldo non sarà a disposizione per la partita. Per i lusitani CR7 è il leader indiscusso dello spogliatoio e per questo motivo, anche in condizioni fisiche precarie, la sua partenza per il Brasile è scontata. Il commissario tecnico si riserverà però la possibilità di escluderlo dalla lista dei convocati fino al giorno prima del match contro la Germania, termine entro il quale la FIFA concede ancora una sostituzione in extremis. Queste le parole di Bento al giornale spagnolo 'El Pais' che ha riportato per primo la notizia:

"Ci prenderemo tutto il tempo a disposizione per valutare la condizione di Cristiano. La cosa principale è la salute del giocatore. Dobbiamo solo lasciarlo tranquillo fino al 15 giugno, quando la FIFA permette ancora di apportare una modifica alla lista dei convocati in caso di infortunio. Dopo il 15 questa opzione sarà impossibile. Il nostro compito è quello di gestire nel migliore dei modi i 23 che sono qui per preparare il Mondiale, che devono essere pronti a scendere in campo per il 16 giugno".

Cristiano Ronaldo

Le parole di Bento non promettono nulla di buono e lasciano chiaramente intendere che l'esclusione di Cristiano Ronaldo è una possibilità più che concreta. Sarebbe davvero un grosso danno per lo spettacolo della competizione iridata se il Portogallo fosse costretto a rinunciare al capocannoniere in carica di Liga Spagnola e Champions League, ormai già proiettato verso la conquista del Pallone d'Oro 2014 a meno di clamorosi exploit di altre stelle nel mondiale brasiliano.

Ronaldo potrebbe dunque diventare il secondo grande del calcio internazionale a venire rimpianto in Brasile dopo Zlatan Ibrahimovic, eliminato con la sua Svezia proprio dal Portogallo di uno scatenato Ronaldo negli spareggi dell'autunno scorso.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail