Vucinic scrive al popolo juventino: “Emozioni indelebili, grazie”

Saluti al miele tra la Juventus e Mirko Vucinic, di recente passato agli arabi dell’Al Jazira: il montenegrino ringrazia il club e i tifosi su twitter.

Dopo tre anni con molti alti e pochi bassi, Mirko Vucinic ha salutato la Juventus per la felicità di tutte le parti: del suo nuovo club, l’Al Jazira con sede ad Abu Dhabi (Emirati Arabi Uniti), della Vecchia Signora che incassa 6,3 milioni dalla cessione del suo cartellino agli arabi, e dello stesso giocatore, che a 31 anni va a firmare un ricco biennale da circa 6 milioni netti a stagione. Una storia, quella tra il montenegrino e i bianconeri, che è coincisa col triennio d’oro di Madama capace di dominare senza freni in Italia con la conquista di tre scudetti di fila e due Supercoppe Italiane. Le partite in cui Vucinic ha indossato la maglia della Juventus sono state 96, ha timbrato il cartellino in 26 occasioni, risultando un protagonista indiscusso soprattutto nel primo e secondo tricolore, mentre nella stagione scorsa è risultato più uomo spogliatoio che altro mettendo insieme 18 presenze e 2 reti, entrambe alle romane tra le mura amiche.

Dunque finisce qua e il club torinese ha voluto ringraziare l’attaccante con un bel video postato sul canale ufficiale di YouTube, immagini che potete vedere in cima a questo post. Non si è fatta attendere la risposta di Vucinic che sul proprio Twitter ha postato un’immagine corredata da poche ma significative parole:

“Non contano i gol. Gli assist. I record. Non contano le sconfitte. Le delusioni. Conta solo far parte di qualcosa… che si chiama Juve e si scrive Storia! Quella Storia che per tre anni abbiamo scritto insieme. Emozioni indelebili! Grazie a tutti e per tutto! Mirko”

Sfumato il passaggio all’Inter dell’inverno scorso (aveva anche svuotato l’armadietto a Vinovo e si vedeva già a Milano), Vucinic si trasferisce dunque negli Emirati Arabi con la moglie Stefania e i due figli, in una squadra abbastanza ambiziosa allenata dal belga Eric Gerets, ex difensore del Milan, ma che in passato è stata guidata anche dal nostro Walter Zenga e dall’attuale selezionatore argentino Alejandro Sabella. Avrà la maglia numero 9 e condividerà il reparto offensivo col brasiliano Jucilei (ex Corinthians e Anzhi) e con l’ecuadoregno Caceido (Basilea, Manchester City, Levante, Lokomotiv Mosca).