Uruguay, Suarez: ricorso respinto, ora resta il Tas

Niente da fare per Suarez: la commissione d’appello della Fifa respinge il ricorso e conferma i 4 mesi di interdizione e le 9 giornate di squalifica

La Commissione d’appello della Fifa ha respinto i ricorsi congiunti presentati dalla federazione uruguayana e dall’attaccante Luis Suarez. Dopo il morso al difensore dell’Italia, Giorgio Chiellini, durante il match disputato lo scorso 24 giugno in Brasile, Suarez era stato squalificato per 9 giornate, oltre ad essere interdetto per 4 mesi da qualunque manifestazione sportiva e costretto a pagare una salatissima multa. La commissione d’appello del governo del calcio mondiale, respingendo il ricorso, ha sostanzialmente confermato la sentenza del giudice sportivo.

La decisione è stata annunciata nel tardo pomeriggio di oggi dalla Fifa, che con un comunicato ufficiale, comunque, evidenzia come la pena non sia ancora da considerarsi definitiva, poiché Suarez e l’Uruguay possono ancora rivolgersi al Tas di Losanna. Il ricorso al successivo grado di giudizio appare scontato, visto che la pesantissima squalifica non è stata affatto digerita praticamente da un’intera nazione. Lo stesso presidente dell’Uruguay, Pepe Mujica, aveva commentato con parole durissime la sentenza nei confronti di Suarez.

Proprio nella giornata in cui arriva la sentenza d’appello sulla squalifica, giunge però una buona notizia per Suarez: in Spagna sostengono che siano stati limati oggi i dettagli per il passaggio dell’attaccante uruguayano dal Liverpool al Barcellona. Nonostante la pesante squalifica, il club blaugrana dovrebbe versare nelle casse dei ‘Reds’ qualcosa come 88 milioni di euro. Secondo l’emittente Rac1, sarebbe anche stata fissata la data della presentazione ufficiale: il prossimo 16 luglio al Camp Nou di Barcellona Suarez saluterà i suoi nuovi tifosi. Nello scacchiere di Luis Enrique, prenderà il posto di Alexis Sanchez, attaccante cileno destinato all’Arsenal.

I Video di Blogo

Video, Olbia-Monza, Berlusconi ai tifosi: “Scusate, vi devo salutare perché devo andare a [email protected]

Ultime notizie su Campionati Mondiali

Tutto su Campionati Mondiali →