Bomboletta spray per le punizioni anche in Serie A

Anche in Serie A dal prossimo campionato gli arbitri avranno in dotazione le bombolette spray per far rispettare la distanza sui calci di punizione

Avevamo temuto di restare indietro anche sotto questo punto di vista, ma fortunatamente oggi la Lega di Serie A ha deliberato l’adozione della bomboletta spray vista ai Mondiali per far rispettare la distanza della barriera. Sarebbe stato assurdo non allinearsi alla UEFA, che già il 9 luglio scorso aveva comunicato ufficialmente che il dispositivo verrà consegnato in dotazione agli arbitri che dirigeranno le partite delle prossime Champions League ed Europa League.

Era già nota la richiesta fatta all’AIA da parte della Lega di Serie B e di quella di Lega Pro. Adesso è arrivato l’ok definitivo, nonostante l’iniziale scetticismo del Presidente della Associazione Arbitri Marcello Nicchi, che prima dell’inizio dei Mondiali aveva giudicato “inutile” questo accorgimento tecnico che invece, come era lecito aspettarsi, si è rivelato molto utile nei Mondiali brasiliani.

Evidentemente Nicchi si sarà giustamente ricreduto, ma la mancanza di tempismo rischia di rinviare leggermente l’esordio della bomboletta spray nei nostri campionati. Secondo quanto ha riferito Maurizio Beretta, Presidente della Lega di Serie A, ci sarebbe ancora qualche problema ‘logistico’ da risolvere:

“Oggi è stato ratificato l’utilizzo della bomboletta spray, quindi si partirà con l’adozione di questa nuova tecnologia che abbiamo chiesto noi per primi. Oggi abbiamo anche già discusso degli aspetti seppur semplici però logistici perché è evidente che queste bombolette non potranno essere portate dagli arbitri come bagaglio a mano. Adesso c’è da farne trovare negli stadi, dobbiamo minimamente attrezzarci per le forniture e la logistica, ma sono problemi assolutamente gestibili”.

Non ci resta che augurarci che si trovi una soluzione, anche perché in tal senso si è aspettato fin troppo. In realtà questa bomboletta è già ben nota agli appassionati di calcio che seguono i campionati sudamericani, nei quali viene utilizzata da diversi anni. Aspettare la “sperimentazione” durante i Mondiali è stata già una sciocca perdita di tempo da parte di tutti.