Enock Barwuah, il fratello di Balotelli: “Mi hanno insultato con cori razzisti”

“Mi hanno detto negro di [email protected], fatto il verso della scimmia e hanno tirato in ballo anche mio fratello Mario. Sinceramente non ho capito tanto accanimento”

Brutta domenica pomeriggio vissuta da Enock Barwuah, il fratello naturale di Mario Balotelli. Almeno stando a quanto raccontato dallo stesso calciatore del Vallecamonica, formazione bresciana che milita nel campionato di Eccellenza. Infatti, il 21enne sarebbe stato insultato con cori razzisti nel corso della partita contro il Darfo Boario (primo storico derby tra squadra camune).

Dopo gli iniziali insulti rivolti al più famoso fratello (“Balotelli figlio di…”), i tifosi avrebbero preso come bersaglio Enock dandogli anche del “negro di [email protected]”:

Mi hanno detto negro di [email protected], fatto il verso della scimmia e hanno tirato in ballo anche mio fratello Mario. Sinceramente non ho capito tanto accanimento. Ad inizio partita ero nervoso perché i cori mi davano fastidio, ma poi ho fatto finta di non sentirli. Ho rischiato però di perdere la testa.

Per questo motivo Enock al momento della sostituzione, al 75esimo minuto, è apparso visibilmente nervoso. Nel post gara ha aggiunto, facendo trapelare molta delusione e amarezza:

Capita spesso e mi dicono sempre le stesse cose. Sempre i soliti stupidi insulti. Ormai me ne frego, ma mi danno molto fastidio. Tra l’altro le persone che mi insultavano sono le stesse che una volta fuori dallo stadio mi salutano e mi chiedono di mio fratello. È pazzesco. Succede spesso la domenica sui campi, anche se era da tempo che non venivo insultato così come contro il Darfo Boario. Gente che si comporta così non merita neanche che io perda tempo a ripensare a quanto mi hanno detto.

Nelle prossime ore si conosceranno le eventuali decisioni del Giudice Sportivo. Per la cronaca il Vallecamonica ha perso 2-1 la partita, iniziando nel modo peggiore il campionato.