Opti Poba: Tavecchio rischia da due mesi a un anno di inibizione

Può costare cara la gaffe a sfondo razzista del nuovo presidente federale Carlo Tavecchio: l’Uefa è pronta ad emettere la propria sentenza

“Non ci sarà alcuna ripercussione sulla mia operatività e in ogni caso c’è il vicario che può fare funzioni”. Carlo Tavecchio si è espresso così, qualche giorno fa, in merito alla possibile sanzione che potrebbe arrivare dall’Uefa nelle prossime settimane. Il governo del calcio europeo aveva avviato un’indagine in merito alla gaffe del nuovo presidente federale, che si era espresso così in merito ai calciatori extracomunitari lo scorso mese di luglio: “L’Inghilterra individua dei soggetti che entrano se hanno professionalità per farli giocare, noi invece abbiamo ‘Opti Poba‘ che è venuto qua che prima mangiava le banane e adesso gioca titolare nella Lazio e va bene così. In Inghilterra deve prima mostrare il suo curriculum e il suo pedigree”.

Una frase oltremodo fuori luogo, cui seguirono polemiche e scuse dello stesso Tavecchio, che sono sembrate una toppa peggio del buco. Oggi, dall’edizione in edicola di ‘Tuttosport’, filtrano indiscrezioni poco rassicuranti per il numero uno della Figc, poiché la Disciplinare dell’Uefa starebbe pensando ad una inibizione che vada dai due mesi più multa, fino ad un anno con il divieto di ingresso negli stadi europei. Una sanzioen che non avrebbe effettivamente risvolti negativi sull’operatività di Tavecchio, ma vuoi mettere l’imbarazzo mondiale per l’avere un presidente Federale che non potrà nemmeno seguire la nazionale di Antonio Conte poiché sarebbe costretto a guardare la partita da una camera d’albergo?

Una situazione paradossale, poiché Tavecchio è accusato di insulti razzisti e la decisione non tarderà ad arrivare: nonostante l’archiviazione da parte della procura federale di Stefano Palazzi, il prossimo 26 settembre ci sarà l’ultima riunione della disciplinare Uefa che preparerà il verdetto. La pubblicazione dello stesso, avverrà però solo qualche giorno dopo e consentirà comunque al presidente della Figc di presentare ricorso, con la possibilità di andare fino al TAS. Secondo ‘Tuttosport’, in caso di condanna di Tavecchio, non è da escludere il commissariamento della Figc da parte del Coni, in attesa che vengano esaminati gli eventuali ricorsi. Intanto, dopo aver disertato il convegno sul razzismo organizzato qualche giorno fa dall’Uefa a Roma, Tavecchio non sarà, per imbarazzo, nemmeno alla cerimonia di definizione delle sedi di finale Champions 2016 e Euro 2020.

I Video di Calcioblog