Cagliari-Juventus, Allegri: “Cinque diffidati rischiano di saltare la Supercoppa”

La Juve domani anticipa a Cagliari in attesa della finale di Supercoppa italiana contro il Napoli. Rischio squalifica per cinque diffidati bianconeri.

Domani per la Juventus non c’è solo l’insidia Cagliari, ma anche i cartellini gialli. Sono cinque i giocatori diffidati che, in caso di ammonizione, salterebbero la finale della Supercoppa italiana contro il Napoli. Il tecnico Max Allegri, in conferenza stampa, conferma:

“E’ vero, in cinque rischiano. Credo non sia regolare che noi andremo a giocare a Cagliari con cinque giocatori diffidati e con il problema che, in caso di ammonizione, a Doha non ci saranno. Lo stesso vale se l’ammonizione la prenderanno a Doha e salteranno la partita con l’Inter, visto che la Supercoppa è una finale, una gara secca, che si dovrebbe giocare ad agosto. Questo è penalizzante sia per noi sia per il Napoli. Ma a Cagliari scenderà in campo la formazione migliore. La mia squalifica di un turno? Sono rimasto sorpreso, il mio comportamento nei confronti degli ufficiali di gara è sempre stato corretto”.

Zeman è nemico storico della Juve:

“Il Cagliari ha molte soluzioni offensive, come tutte le squadre allenate dal boemo. Soprattutto in casa costruisce tanto. Sarà difficile affrontare i sardi, ma vogliamo tornare alla vittoria con una grande prestazione. I rossoblù giocano sempre a viso aperto e per fare gol”.

La situazione infortunati in casa della Signora: “Ho solo due centrali a disposizione. Barzagli è in fase di recupero, Bonucci è squalificato e Asamaoah è stato operato. Caceres non c’è ancora. Gli altri stanno bene. Marrone tornerà dopo Natale”. Emergenza difesa, dunque, ma l’attacco sta segnando poco:

“Non sono preoccupato. Bisogna tornare a segnare, con la Sampdoria abbiamo avuto situazioni importanti non sfruttate al meglio. C’è stata un po’ di mancanza di inserimenti da parte dei centrocampisti nella chiusura delle azioni. Domani dovremo cercare attraverso il gioco, come facciamo sempre, attraverso l’inserimento dei centrocampisti e delle punte di tornare al gol e alla vittoria”.

L’incontro con Antonio Conte è stato positivo:

“Se è veramente permaloso? Ovviamente non lo so. Ieri è stato un confronto normale perché c’è stato uno scambio di idee. Che è una cosa normale tra un ct e un allenatore di club. C’era solo da parte di cose semplici e chiare. Siamo usciti dall’incontro con una collaborazione per quanto riguarda i giocatori che vanno in Nazionale. Ma questa è una cosa normale. Gli stage? Ci sono date Fifa che vanno rispettate. Io sono contento quando i giocatori vanno in Nazionale e sono contento se la Nazionale fa bene”.

Il Borussia Dortmund sarà l’avversario di Champions a febbraio: “A parte il campionato, dove ha difficoltà, credo arrivi da tre anni incredibili. Di sicuro, dagli ottavi, iniziamo a confrontarci con le big europee”. A febbraio la Juve spera di avere a disposizione il miglior Vidal: “Cresce fisicamente, si sta adattando al sistema di gioco e migliora a livello di inserimenti”.

Ultime notizie su Allenatori

Tutto su Allenatori →