Vazquez apre alla Nazionale Italiana: "Accetterei una convocazione di Conte"

Una buona notizia per il ct azzurro

Se l'idea di indossare la maglia della Nazionale Italiana non è neanche stata presa in considerazione da Paulo Dybala (che sogna, comprensibilmente, di poter giocare almeno una partita con l'Argentina), il discorso cambia per Franco Vazquez. L'altro gioellino del Palermo, meno "pubblicizzato" rispetto al suo compatriota, sembra propenso ad accettare un'eventuale convocazione di Antonio Conte. L'ex giocatore del Belgrano ha appena rinnovato il contratto con il club siciliano e in conferenza stampa non ha escluso la possibilità di diventare "oriundo" e aggregarsi al gruppo degli azzurri. Ad inizio dicembre Vazquez ha tentennato sulla risposta da dare ad un giornalista, ricordando le sue origini italiane (sua madre è di Padova), ma anche che si sarebbe trattato di una decisione molto difficile da prendere.

Oggi Vazquez ha sciolto le riserve davanti ai giornalisti presenti: "No, non ho sentito nessuno, ma, come ho detto più volte, sono metà argentino e metà italiano perché mia madre è di Padova e lì ho molti parenti, quindi sarei pronto a dire di sì alla nazionale italiana”.

Vazquez ha glissato su un suo eventuale addio al Palermo a fine stagione e ha parlato del buon campionato che sta disputando il Palermo:

"Per ora penso solo al Palermo e a fare bene fino alla fine della stagione, poi in estate si vedrà. Se ho firmato fino al 2019 è perché penso di restare qui a lungo, poi se arriverà un' offerta buona per me e per il Palermo se ne parlerà sicuramente. Non penso al futuro ma solo a fare bene qui. Stiamo facendo bene, l'importante è che la squadra vada in campo per fare le cose che ci chiede il mister e per fare di tutto per portare a casa i tre punti. Le cose ora vanno bene e vediamo a fine stagione come andranno. Sto facendo un campionato molto buono e speriamo di continuare. Speriamo ora di iniziare a fare gol in casa, ma l'importante è che la squadra giochi bene e che porti a casa i tre punti".

El Mudo in campionato ha già segnato 6 reti, di cui 5 in trasferta, mentre il suo connazionale Dybala è a quota 10 reti. Il suo obiettivo è superare il personale record in campionato:

“Ci sono i margini per poterci riuscire di sicuro voglio superare il mio record di 7 gol stagionali. Dybala è più punta di me quindi è più favorito, ma vorrei centrare questo obiettivo. Paulo ed io siamo grandi amici, stiamo sempre insieme anche fuori dal campo e mi pare che questa intesa si veda quando giochiamo. Vediamo quanti gol avremo segnati entrambi a fine stagione. Devo segnare di più al Barbera, è qualcosa che mi manca”.

Nella "tripla" conferenza stampa il Palermo ha annunciato il rinnovo contrattuale anche per Andelkovic e Maresca. Il centrocampista ha firmato un contratto che lo legherà fino al 2016, mentre Andelkovic fino al 2017. I tre giocatori hanno mostrato ai presenti delle maglie celebrative con le date di scadenza dei nuovi accordi prima di autografarle. Il Palermo le ha messe all’asta per beneficenza su charitystars.com. "Il rinnovo è un attestato di fiducia importante – dice Maresca – ma soprattutto un segnale in chiave futura: c’è un progetto e siamo felici di farne parte".

Hellas Verona FC v US Citta di Palermo - Serie A

  • shares
  • Mail