Calciomercato Inter, Murillo: "Arrivo in estate"

Il difensore colombiano del Granada, Jeison Murillo, conferma che arriverà all'Inter in estate. E racconta come ha fermato Messi.

Jeison Murillo, difensore classe 1992 del Granada, ha confermato che l'estate prossima sarà un giocatore dell'Inter: "Grazie a Dio ho colto l'occasione per diventare nerazzurro". Il calciatore colombiano ha già sostenuto le visite mediche. Lui stesso lo ha detto ai microfoni di Radio Caracol.

"I due club hanno raggiunto l'accordo. L'idea è di finire la stagione a Granada e poi trasferirmi all'Inter. Ringrazio Dio per l'opportunità che sto avendo, ora mi impegnerò a raggiungere gli obiettivi con la mia squadra e poi penserò ai nerazzurri, per me è un sogno che si avvera".

Murillo sulle ore di Ramiro Cordoba, bandiera dell'Inter per 12 anni e connazionale:

"E' chiaro che in Colombia tutti sappiamo la carriera che ha fatto Ivan Ramiro in nerazzurro. Spero di raccogliere quell'eredità e di fare la differenza come è riuscito a fare lui in Italia".

Murillo è stato pagato nove milioni di euro.

"In tenera età sognavo di giocare nel Barcellona perché è una squadra piena di campioni. Ma in Colombia ho fatto parte del progetto di Inter Campus con il Deportivo Calì. Quindi, conosco l'Inter fin da bambino, è la mia squadra preferita. A Milano gioca anche il mio amico Fredy Guarin, che mi ha parlato benissimo della squadra. Prima di questo sogno che si avvera, però, ne ho un altro: conquistare la salvezza con il Granada".

Nella carriera del difensore '92 c'è già una tacca mica da poco: aver bloccato Leo Messi in un Granada Barcellona:

"Lui e Cristiano Ronaldo li vorresti affrontare tutti i giorni. Quando sai che è il momento, ti prepari già molto prima della partita. Giocare contro di loro ti aiuta a migliorare molto, accumuli esperienza. Messi può non fare nulla per gran parte della partita, poi appare di colpo e trova la giocata vincente. Ronaldo, invece, ama dialogare di più con i compagni, sta nel vivo del gioco in modo più costante ed è anche molto fisico. Devi marcarlo con intelligenza e con l'aiuto dei compagni di squadra. So che da voi in Italia si gioca un calcio molto tattico, difensivamente parlando si lavora tantissimo e i difensori possono soltanto migliorare quando vanno a giocare in serie A".

Murillo

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail