Frosinone-Entella, giallo: "pareggiamo su rigore"

Sta facendo molto discutere un foglio trovato ieri sulla panchina della Virtus Entella durante la gara pareggiata per 3-3 sul terreno di gioco del Frosinone. Al ‘Matusa’ ieri è successo di tutto: gli ospiti vanno in doppio vantaggio, poi si fanno rimontare e superare, prima del gol del definitivo 3-3 giunto al 92’ su calcio di rigore. Un penalty considerato dai più generoso, quello concesso dal fischietto Aureliano, che ha fatto imbufalire i tifosi della squadra di casa. Un errore arbitrale, dunque, ha deciso la partita che dopo qualche ora, però, si è tinta di giallo.

Che un direttore di gara sbagli a decidere su un episodio delicato come un calcio di rigore ci può comunque stare, se non fosse che oggi il quotidiano ‘Il Messaggero’, riferisce di un retroscena per certi versi inquietante. Dopo la partita, infatti, sulla panchina della Virtus Entella è stato recuperato da un vigile del fuoco un foglietto che è poi stato consegnato all’ispettore della Procura Federale presente al Matusa. Sullo stesso vi era scritto: "Pareggeremo su rigore". Partita combinata?

frosinone-entella-rigore

Non lo si può chiaramente dire, anche se il direttore generale del Frosinone, Ernesto Salvini, a fine partita ha rilasciato dichiarazioni abbastanza allusive:

"Di sicuro la gara contro l'Entella non finisce qui, però di più non posso aggiungere".

Il presidente del Frosinone, Maurizio Stirpe, conferma di averne già parlato con il presidente Federale Carlo Tavecchio, che molto probabilmente spingerà affinché la macchina della giustizia sportiva si muova rapidamente facendo luce sull’episodio:

"Sono rimasto sorpreso, ne ho parlato con Tavecchio, al quale ho chiesto che non si tralasci nulla".

A rincarare la dose ci pensa il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani, che ricorda le parole di Lotito in merito alla promozione in Serie A delle “piccole” squadre che avrebbero fatto così un danno al massimo campionato nazionale:

"Se la vicenda del bigliettino dovesse essere confermata - ha le parole del primo cittadino - getterebbe ulteriori ombre su tutto il sistema calcio. Non fosse altro, perché tutto questo avviene all'indomani delle fameliche parole di Lotito, con le quali il patron della Lazio auspicava che il Carpi e il Frosinone non andassero in serie A".

Qualcuno ha semplicemente giocato a fare l’indovino sulla panchina del Frosinone o c’è davvero il rischio che la partita sia stata pilotata?

  • shares
  • Mail