Vidal perde l'aereo e rischia di saltare l'esordio del Cile in Coppa America

Il ritardo con sosta prolungata a Madrid farà arrivare il centrocampista in patria a sole 48 ore dall'esordio del Cile in Coppa America.

Arturo Vidal

Disavventure aeroportuali per Arturo Vidal che ancora una volta dimostra di non saperci fare con aerei e coincidenze. Il cileno doveva volare in patria dove venerdì il suo Cile esordirà nella Coppa America di casa contro l'Ecuador. Il calciatore della Juventus però è incappato in un contrattempo che lo farà atterrare a Santiago in ritardo, ha perso infatti la coincidenza rimanendo così bloccato all'aeroporto Baraja di Madrid. Il centrocampista non sembra aver perso il sorriso e ha pubblicato su Twitter un foto che lo ritrae sorridente in compagnia del figlio.

Ma questo ritardo potrebbe essere un problema per il ct Sampaoli che potrà avere il giocatore a disposizione soltanto a due giorni dalla delicata partita d'esordio, con i padroni di casa della Roja che vogliono cominciare subito con il piede giusto per provare a vincere il torneo. Vidal ha giocato l'ultima partita sabato scorso, la finale di Champions League contro il Barcellona, le sue condizioni di forma sembrano ottime, nonostante ciò il ct cileno deve prepararsi ad un'eventuale contromossa. Se le fatiche del lungo viaggio e del jet lag dovrebbero consegnare un Vidal appannato è già pronto il centrocampista della Fiorentina David Pizarro.


Dicevamo del brutto rapporto del Guerriero con gli aeroporti. Non è la prima volta che si ritrova a perdere un aereo e a presentarsi in ritardo agli allenamenti. C'è infatti un precedente e risale all'ottobre 2013 quando per un non meglio specificato "problema familiare" il cileno non si imbarcò sullo stesso aereo del suo compagno di squadra Mauricio Isla. In quell'occasione Antonio Conte e la Juventus lo punirono con la panchina nell'importante sfida di campionato contro la Fiorentina, quella della tripletta di Giuseppe Rossi e della rimonta viola, che paradossalmente diede la carica ai bianconeri. Chissà che questo ritardo non si di buon auspicio per il Cile.

  • shares
  • Mail