Messi: chiesti 22 mesi e mezzo di carcere per evasione

L’Avvocatura dello Stato spagnolo apre un fascicolo su segnalazione dell’agenzia tributaria: la ‘Pulce’ avrebbe evaso 4,1 milioni

Potrebbero essere guai seri per Leo Messi: l’Avvocatura dello Stato spagnolo ha chiesto che l’attaccante argentino del Barcellona, attualmente ai box per infortunio, sia condannato a 22 mesi e mezzo di carcere con l’accusa di evasione. La ‘Pulce’ avrebbe commesso tre reati contro il fisco tra il 2007 e il 2009: la notizia è riportata dal quotidiano spagnolo ‘El Pais’, che sottolinea come a pronunciarsi contro Messi sia stato un altro organi della giustizia spagnola e non la Procura, che aveva invece scagionato l’argentino dalle accuse in quanto “non a conoscenza dei fatti”.

In totale, sarebbero stati evasi 4,1 milioni di euro, la cui responsabilità – sempre secondo la Procura – ricadrebbe sul padre di Messi. L’Avvocatura, invece, sostiene che il calciatore è effettivamente “profano” ai temi tributari che ruotano attorno alla sua attività, ma “non si può ignorare” che parte dei guadagni derivanti dallo sfruttamento della sua immagine provenivano da paradisi fiscali come Uruguay e Belize. Il giudice dell’avvocatura ha aperto un fascicolo dopo aver ricevuto segnalazione dall’agenzia tributaria.

I Video di Calcioblog

Ultime notizie su Lionel Messi

Tutto su Lionel Messi →