Inter: carabinieri alla Pinetina, notifica a Bolingbroke

Noie burocratiche per l’Inter: i carabinieri hanno fatto irruzione nel centro sportivo di Appiano gentile contestando alla società nerazzurra alcune violazioni sulla sicurezza e l’impiego di lavoratori in nero. La notizia è riportata dal quotidiano 'La Provincia di Como', secondo cui le forze dell’ordine avrebbero ravvisato alla Pinetina alcune irregolarità nella costruzione dei nuovi spogliatoi per la prima squadra e le giovanili.

In particolare, presso il centro sportivo nerazzurro sarebbero state violate le vigenti normative in termini di sicurezza e impiegati lavoratori privi di un regolare contratto. Il cantiere è stato temporaneamente sospeso e i carabinieri hanno provveduto a far scattare le prime denunce: tra le persone segnalate anche l’amministratore delegato dell’Inter, Michael Bolingbroke, il cui nome figura come contraente nell’atto di notifica preliminare per lo svolgimento dei lavori.

I lavori per la costruzione dei nuovi spogliatoi della Pinetina, erano stati affidati dall’Inter ad una ditta di Voghera, che a sua volta ha subappaltato le opere murarie e idrauliche ad altre due imprese. Oltre che nei confronti del dirigente nerazzurro, sono scattate sanzioni anche per tutte le aziende coinvolte. Intanto, in merito alla vicenda, l'Inter ha diramato il seguente comunicato:

"In relazione all'articolo pubblicato questa mattina da La Provincia, F. C. Internazionale sottolinea che ad Appiano Gentile sono stati fatti dei normali e consueti controlli dei Carabinieri dell'Ispettorato del Lavoro di Como e che le uniche irregolarità che vengono contestate sono di carattere tecnico amministrativo e non di merito. Questo è dimostrato dal fatto che il cantiere non è stato sospeso (tranne nel giorno della verifica e del recupero dei necessari documenti burocratici), né tantomeno sequestrato come di prassi avviene nelle casistiche più gravi. La normale prassi prevede che venga eseguita una notifica al legale rappresentante (nel caso di F. C. Internazionale Michael Bolingbroke) e al responsabile dei lavori (Mauro Ferrara): ricevere una notifica non significa però che una persona è indagata. Ad oggi F.C. Internazionale ha già concluso tutto l'aggiornamento e l'adeguamento della burocrazia, e il procedimento è già archiviato. In conclusione, il Club ha dovuto pagare una semplice ammenda di circa 500 euro".

Michael Bolingbroke

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail