Fair Play Finanziario: il Milan va dall'Uefa

Milan alle prese con i parametri del Fair Play Finanziario: lunedì prossimo l’amministratore delegato Barbara Berlusconi sarà presso la sede dell’Uefa a Nyon per una riunione propedeutica. Preoccupano i 91 milioni di euro di perdite nel bilancio 2014, per i quali sarebbe pronto un piano di rientro. Secondo quanto riferisce la ‘Gazzetta dello Sport’, assieme alla figlia del patron rossonero, partiranno per Nyon anche Umberto Gandini ed Elisabetta Ubertini, direttore dei progetti speciali.

Dopo la nomina di Infantino a presidente Fifa, la dirigenza del Milan incontrerà il nuovo segretario generale Theodore Theodoridis, per quello che sarà un “incontro propedeutico” in vista del piano di sostenibilità che i rossoneri dovranno presentare a fine stagione. Un altro anno senza Champions League renderebbe le cose ancora più difficili per la società milanese: non partecipare per tre anni consecutivi alla coppa più prestigiosa e soprattutto più remunerativa, i rossoneri non possono permetterselo.

Barbara Berlusconi - Milan

L’ad Barbara Berlusconi avrebbe realizzato assieme ai suoi collaboratori un piano triennale, partendo dall’ipotesi di qualificazione alla prossima Europa League, competizione meno ricca della Champions, ma che garantirebbe comunque maggiori introiti al Milan rispetto alle due precedenti stagioni. Partendo dall’inevitabile rosso con cui si chiuderà anche il bilancio del 2015, i rossoneri proporranno agli ispettori dell’Uefa un piano di risanamento, che però dovrà essere supportato anche dai risultati sportivi dei prossimi due anni.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail