Moviola in campo: sì alla sperimentazione, Serie B si candida

Sì alla moviola in campo in via sperimentale: l’OK è arrivato oggi da parte dell’International Board della Fifa, l’unico organismo deputato al cambiamento delle regole del calcio. Il neo presidente Gianni Infantino ha subito dichiarato che quella di oggi è una "giornata storica": a margine della riunione tenutasi a Cardiff, è arrivato il primo sì all’utilizzo di monitor e replay per valutare episodi dubbi nel corso delle partite di calcio.

Ovviamente, prima dell’utilizzo massivo della tecnologia, ci saranno due stagioni di sperimentazione, che serviranno per evidenziare vantaggi ed eventuali intoppi. Al termine del vertice di Cardiff, il Board ha diramato un documento ufficiale, all’interno del quale si legge:

"L'obiettivo non è raggiungere il 100% di correttezza nelle decisioni, ma di evitare chiare inesattezze sul terreno di gioco, quegli errori in buona sostanza che possono cambiare le sorti di una partita, e cioè gol, rigori, cartellini rossi diretti e scambi di persona".

Insomma, la moviola in campo sarà applicata solo ai casi eclatanti e tramite l’aiuto di un "video assistant referee" (VAR), un ufficiale di gara che se ne sta comodamente dietro una scrivania durante le partite e potrà comunicare in tempo reale con l’arbitro tramite un apposito apparecchio ricetrasmittente. La Serie B si sarebbe già proposta per partecipare ai due anni di sperimentazione tramite il presidente federale Carlo Tavecchio. La decisione finale spetterà al Board, che selezionerà i campionati dopo attente valutazioni.

Moviola in campo

Moviola in campo: quando si potrà usare?

Goal/non goal;
Rigori;
Espulsioni;
Scambio di persona.

Moviola in campo: come funzionerà?

In caso di un episodio di cui sopra, l’arbitro chiederà al VAR di analizzare l’azione, oppure può essere lo stesso VAR ad avvisare il fischietto di voler rivedere un episodio; a quel punto l’assistente video analizzerà l’episodio al replay e comunicherà il proprio verdetto all’arbitro; l’arbitro potrà accettare la decisione del VAR e comunicarla ai giocatori, oppure scegliere di rivedere in prima persona l’episodio davanti al monitor.

  • shares
  • Mail