Del Piero: “Mi manca il calcio, tutti i giorni”

Alessandro Del Piero ha parlato del suo futuro a ‘Globoesporte’: “Non so se diventerò allenatore. Tre anni fa avrei detto di no”

Alessandro Del Piero non sa ancora “cosa farà da grande”. L’ex numero 10 della Juventus, dopo le esperienze in Australia e India, è stato impegnato di recente in alcuni match di esibizione, ma ormai la sua carriera di calciatore, a 41 anni, può considerarsi conclusa. Sono in tanti, però, ad interrogarsi sul futuro del ‘Pinturicchio’: continuerà o no a stare nel mondo del calcio? Il diretto interessato dribbla per l’ennesima volta la questione e lo fa in un’intervista rilasciata a ‘Globoesporte’:

“Un futuro nel mondo dello sport? Né sì, né no. Esiste un dubbio e non escludo la possibilità. Mi manca il calcio tutti i giorni – ammette – . Sì, tutti i giorni. Non so se diventerò allenatore. Se mi fosse stato chiesto 3 anni fa avrei detto di no, che non c’era alcuna possibilità. Ma ora dico solo: ‘no in questo momento’. In futuro non lo so, onestamente non lo so. Non era un’opzione 3 anni fa, ma oggi può esserlo”.

Ai giornalisti brasiliani, poi, Del Piero ha rilasciato alcune dichiarazioni sull’idolo di casa, il centravanti del Barcellona Neymar:

“Neymar è un giocatore incredibile e ha un grande futuro davanti. Quella di venire in Europa è stata una buona scelta. Sta imparando molto giocando in una squadra straordinaria. Oggi sicuramente il leader del Barcellona è Messi, ma Neymar è molto giovane e il futuro è suo”.

Da giorni circolano voci di mercato secondo le quali il brasiliano potrebbe finire addirittura ai “nemici” del Real Madrid, ma secondo Pinturicchio sarà proprio Neymar a raccogliere la pesante eredità della ‘Pulce’:

“Tutto ciò che Messi e il Barcellona hanno fatto negli ultimi anni è stato veramente sorprendente. Naturalmente Messi ha vinto molti trofei, premi individuali, ma li ha vinti con la squadra. Pur essendo cambiato molto il loro modo di giocare a calcio – conclude Del Piero – , soprattutto negli ultimi anni”.