Lecco, giovane arbitro picchiato nel “weekend contro la violenza”

Lecco, giovane arbitro picchiato nel “weekend contro la violenza”

Nel centro sportivo di Cernusco Lombardone, in provincia di Lecco, si è disputata la partita tra i padroni di casa della Brianza Cernusco Merate e il Costamasnaga. La partita, però, è stata sospesa perché il capitano della squadra ospite, che stava perdendo per 3-0, dopo che l’arbitro ha concesso un rigore alla squadra locale e il rigore è stato messo a segno, ha perso la testa e ha picchiato il direttore di gara che è finito al pronto soccorso dell’ospedale di Lecco.

Brianza Cernusco Merate e Costamasnaga militano nel campionato provinciale lecchese della categoria Juniores e l’arbitro Marco Airoldi ha solo 18 anni, è uno studente di Vercurago e da due anni fa parte dell’Aia di Lecco. Il calciatore che lo ha picchiato è un suo coetaneo. Il capitano del Costamasnaga e i dirigenti della squadra hanno poi chiesto scusa.

Ad aggravare la situazione, già pessima di per sé, c’è il fatto che questa vicenda si è verificata proprio nel weekend contro la violenza nei confronti degli arbitri: le partite di calcio dilettantistico in Lombardia giocate ieri e sabato, infatti, sono cominciate tutte con dieci minuti di ritardo, proprio per sensibilizzare su questo tema. Evidentemente non è servito a nulla.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail