La giornata contro la violenza sulle donne su Radionerazzurra

Radionerazzurra - Oggi è una giornata speciale dedicata alla solidarietà e alla sensibilizzazione verso il tema della violenza sulle donne, partendo da una data tragica che risale al 1960, quando furono uccise le tre sorelle Mirabal, attiviste politiche della Repubblica Dominicana.

È una giornata di parole e fatti, di consapevolezza e amore, di rabbia e di orgoglio. Oggi è una giornata in cui le forze si uniscono per urlare quanto serve il disprezzo verso ogni forma di violenza vigliacca, anche se non sappiamo quanto servirà.

Oggi è una giornata necessaria in cui vanno però incoraggiati nuovi strumenti, più efficaci, più radicali per contrastare un fenomeno che ha radici profonde e ha a che vedere con una natura umana debole, ottusa, violenta e dunque da riformulare.

Partecipiamo anche noi, come radio che ha un ampio pubblico prevalentemente maschile. Sono, siamo consapevoli che tutte le iniziative magnifiche di oggi e dell'intero anno, tutte le campagne di sensibilizzazione, unite allo sgomento quotidiano verso i fatti di cronaca che implacabilmente appaiono sui giornali, siano importanti.

Dobbiamo però fare in modo che, oltre al valore simbolico delle iniziative, si abbini un nuovo percorso sociale che parta dal modello genitoriale e scolastico e si rivolga al modello culturale che nel nostro Paese riconosce la donna ancora in modo tribale, inadeguato. Ci sono diverse forme di violenza in Italia e nel mondo, da quelle verso i bambini a quelle rivolte alle minoranze etniche, ci sono gli stessi principi malati che determinano brutalità fisiche e prepotenze verbali e provengono da un impressionante marea di convinzioni distorte, di ignoranza che annulla l’umanità e crea esseri inidonei a gestire ogni emotività, ogni ragionamento.

Se vogliamo davvero che la violenza sulle donne diminuisca radicalmente è ora di intervenire dalle fondamenta, altrimenti le urla di rabbia le sentiranno solo le persone già coscienti. Gli orchi resteranno rintanati nel buio, sordi e senza conoscenza dei valori minimi del rispetto. Gridiamo ma facciamo anche qualcosa di concreto da oggi.

  • shares
  • Mail