Il manager Davide Torchia, rappresentante del difensore della Juventus, Daniele Rugani, ha parlato del suo assistito ai microfoni di TMW Radio, nel corso della trasmissione Stadio Aperto: “Nello scacchiere di un club come la Juve – ha affermato – tutti i pezzi sono importanti. Quando c’è da fare il pedone uno lo fa, altrimenti è torre. Per giocare alla Juventus e starci parecchi anni devi avere delle caratteristiche. Importanti. Che per me sono la qualità, il sacrificio e il senso d’appartenenza. Nel sacrificio c’è anche quello di rinunciare a qualcosa di personale per essere a servizio del club e del bene collettivo”.

“Lo scorso anno – ha aggiunto – chi c’era ha fatto una scelta diversa, Allegri invece dall’inizio no. I grandi enigmi sul mancato mercato e sulla valutazione eccessiva o lo stipendio troppo alto, non erano veri. Ad agosto Allegri ha detto che Rugani era una risorsa e non un problema. Quando poi c’è stato il momento, ognuno ha fatto la sua parte”.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 19-01-2022


Napoli-Salernitana è a rischio: 8 positivi tra i granata

Marotta: “Dybala? È in scadenza, normale venga accostato a grandi club”