L’ex calciatore del Napoli Salvatore Bagni non pronosticava la flessione degli azzurri.

Salvatore Bagni non riesce a credere al crollo del Napoli, queste le sue parole a Radio Marte. “Non immaginavo una fine del genere. Ci distruggiamo con le nostre mani, pensavo di tenere testa fino alla fine. Non sono meriti degli avversari, se abbiamo perso il campionato i demeriti sono tutti solo nostri. Hanno tutti avuto alti e bassi, ma sono davanti a noi perché hanno gestito meglio i momenti chiave. Non esiste buttare via un campionato del genere e quando mai più capiterà. Spero di sbagliarmi, ma da qui in avanti, ci sarà sempre una squadra guida, intanto gli altri si rinforzeranno e noi dovremo sperare di entrare tra le prime 4″.

IM_Lorenzo_Insigne_Napoli (1)
IM_Lorenzo_Insigne_Napoli (1)

Il problema più grande di quelli che non vincono mai è la paura di fallire. Più si avvicina la meta e più ci vogliono le palle e mi scuso per l’espressione. Zanoli ha perso fiducia nei suoi mezzi, ieri teneva solo la posizione, ma Malcuit ha fatto disastri. Ci sono stati errori evidenti e penalizzanti. Non si può perdere quella gara con l’Empoli. Non voglio accusare nessuno, ma non esistono in questo campionato 4 squadre davanti a noi. Qualche cambio di Spalletti ci ha penalizzato e ad Empoli non è stata la prima volta. La condizione atletica del Napoli è pessima. I secondi tempi mollati agli avversari sono dovuti anche alla mancanza di forza ed ho visto arrancare anche nel primo tempo. La squadra è sulle gambe e fatica anche contro l’Empoli che abbiamo resuscitato. Non stiamo in piedi e non da ieri, noi non giochiamo più, rincorriamo e nel finale di campionato ci vuole velocità, rapidità”.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 27-04-2022


Lotito, Sarri e la curva

Udinese, Cioffi: “Udogie? ha fame e ascolta, non è poco”