Il Dnipro per la prima volta nella sua storia si presenta ad una finale europea, non parte con i favori del pronostico, anche perché di fronte c’è il Siviglia campione in carica che di questo torneo sembra ormai essere il padrone. Ma l’occasione è ghiotta e gli ucraini lo sanno, la partenza è buona e dopo una manciata di minuti sono già avanti con una zuccata di Kalinic. Emery dalla panchina predica calma, conosce la sua squadra e sa che può rimettere a posto la situazione. E infatti ci riesce, il pareggio lo firma l’unico polacco in campo Krychowiak servito con un colpo di petto da Bacca. La serata del colombiano deve ancora iniziare, il primo squillo arriva a fine primo tempo quando realizza il gol del 2-1. Una rete che potrebbe uccidere gli ucraini che invece nella ripresa trovano la forza di pareggiare con una splendida punizione di Rotan. Ma devono fare i conti con Bacca, l’attaccante è insaziabile e con la sua doppietta regala la coppa al Siviglia. Gli spagnoli sono campioni per il secondo anno di fila e vincono la quarta Europa League della loro storia, nessuno mai come loro: Juventus, Inter e Liverpool sono ferme a tre.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 27-05-2015


Maradona contro Blatter: “Ladro”

Rassegna stampa 28 maggio 2015: prime pagine Gazzetta, Corriere e Tuttosport