Riccardo Ferri ha condiviso con Gianluca Vialli tante avventure nella Nazionale di Vicini. Le racconta al Corriere della Sera

ITALIA ’90 – «Eravamo i ragazzi di Azeglio. Vialli è diventato in fretta il leader di quel gruppo. Mi ha colpito il suo senso di responsabilità ai Mondiali del ’90 che ha cominciato da titolare prima di lasciare il posto a Baggio e Schillaci. Anche dalla panchina Luca ha continuato a dare suggerimenti e a incoraggiare. Aveva il senso del gruppo».

VI SENTIVATE SPESSO? – «Non tanto. La vita ci ha separato, come spesso succede. Ma eravamo uniti nella chat intitolata Notti magiche che avevo creato quando è mancato Vicini. In quei messaggi c’era tanto della nostra vita. Ci sentivamo per gli auguri o quando c’era un evento, anche personale, da ricordare. Luca ha scritto l’ultima volta per il compleanno del Mancio. Il 22 dicembre, quando c’è stato quello dello zio Bergomi, invece è rimasto in silenzio e lì abbiamo capito…»

L’articolo Ferri: «Vialli aveva il senso del gruppo» proviene da Calcio News 24.

Riproduzione riservata © 2023 - CALCIOBLOG

feed

ultimo aggiornamento: 07-01-2023


Lecce-Maleh, Baroni pronto a metterlo titolare

Lombardo su Vialli: «Sono tristissimo perché Luca è molto più che un compagno e un amico»