Il centrocampista del Sassuolo Davide Frattesi descrive il suo primo incontro col suo idolo e le ambizioni della sua squadra.

Tuttosport ha intervistato Davide Frattesi alla viglia di Sassuolo-Juventus. “La prima cosa che mi viene in mente è il mio gol allo Stadium nel match d’andata. Poi penso a mio nonno Carmine, che era uno sfegatato tifoso juventino. Mia nonna Stefania da anni mi faceva i collage con le foto mie e quelle di Marchisio, dicendomi ‘Sei uguale a lui!’. In una delle mie prima convocazioni in prima squadra con la Roma, in un match contro la Juventus, andai a scaldarmi e c’era anche Claudio”.

Juventus Stadium
Juventus Stadium

Era l’idolo di una vita, forse più di mia nonna che mio: gli chiesi la maglia. Me la promise a fine partita e me la dette. Io poi non sapevo cosa fare. Pensai: ‘Della mia che se ne fa?’. Invece me la chiese. È stata una grande emozione: persone di quello spessore umano, nel calcio, si incontrano raramente. Dobbiamo provare a vincere per cancellare la brutta sconfitta contro il Cagliari, perché partite come quelle ti tagliano le ali. La nostra stagione è positiva, ma guardando la classifica qualche rammarico possiamo averlo. Se avessimo avuto sempre le stesse motivazioni avute contro le grandi avremmo avuto 6/7 punti in più in classifica. Non lotteremmo per lo scudetto, certo, ma avremmo potuto giocarci l’Europa“. 

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 24-04-2022


Immobile: “Col Milan sarà una gara tutta da vivere”

Sassuolo-Juventus probabili formazioni