Sono queste le parole di Kristjan Asllani, il centrocampista dell’Inter parla alla Gazzetta dello Sport di Barcellona-Inter.

Ecco le parole di Kristjan Asllani, il giovane regista dell’Inter, parla alla Gazzetta dello Sport, parla della partita contro il Barcellona dove ha fallito una rete praticamente fatta: “Se non ci penso io, mi ci fanno pensare gli altri. Quando torno in paese o sono per strada, c’è sempre qualcuno che me lo ricorda: alla lunga un po’ stufa… Ma ammetto di non aver dormito per quattro giorni, passavo le notti a guardare quell’azione, ce l’ho stampata in testa. Vi assicuro che volevo darla di prima a Mkhitaryan.

Conclude così: “Poi ho preferito stoppare e poi passargliela, ma il controllo è andato un po’ lungo: a quel punto non c’era più spazio. Pensavo di segnare, ma è andata male. Ero distrutto, ma mi hanno consolato tutti, proprio tutti. Purtroppo non posso più tornare indietro, ma è il momento di andare avanti: prima del Porto in Champions, pensiamo al Napoli. Se vinciamo il 4 gennaio, possiamo riaprire il campionato per tutti.

Riproduzione riservata © 2023 - CALCIOBLOG

Inter

ultimo aggiornamento: 08-12-2022


Inter, Dumfries: “A casa ero l’unico a guardare il calcio in TV”

Shakhtar Donetsk, Srna: «Ho lavorato sei mesi con De Zerbi e per me è il numero uno»