Sono queste le parole del vicepresidente dell’Inter, Javier Zanetti che ha parlato alla Gazzetta dello Sport dell’Argentina.

Ecco le parole di Javier Zanetti, il vice presidente dell’Inter parla alla Gazzetta dello Sport dell’Argentina: “Una liberazione, per me e tutto il mio Paese. Nel primo tempo non avevamo fatto neanche un tiro in porta, ballavamo con la possibilità di un’eliminazione che sarebbe stata un colpo durissimo, dopo che tutti ci avevano dato tra i favoriti. Quella rete ha sbloccato tutto, gioco a testa. Perché la verità è che la nostra nazionale è inconsciamente obbligata a vincere.

Conclude così: “È un discorso che avrebbe avuto valore anche per l’Italia, se fosse stata qui: l’obiettivo non è mai solo partecipare, per le grandi squadre. Ma adesso è iniziato il nostro Mondiale, con il gol di Leo. E anche la squadra dopo quell’episodio si è come sciolta, ha cominciato a giocare, ha poi meritato la vittoria“.

Riproduzione riservata © 2023 - CALCIOBLOG

Inter

ultimo aggiornamento: 29-11-2022


Torino, interesse per Sulemana del Verona

Qatar 2022, l’Inghilterra è il miglior attacco