[iframe width=”620″ height=”350″ src=”//www.dailymotion.com/embed/video/x2ad4g9″ frameborder=”0″]

Italia-Croazia 1-1. Finisce in parità la sfida di San Siro tra l’Italia di Antonio Conte e la Croazia di Niko Kovac. In virtù di questo risultato, la classifica del Gruppo H di qualificazione agli Europei 2016 vede le due nazionali dividersi la vetta con 10 punti, con una lunghezza sulla Norvegia. Il pareggio di questa sera, dunque, non pregiudica nulla nel cammino degli azzurri in vista della rassegna continentale che si giocherà tra due anni, ma la Croazia ha dimostrato indiscutibilmente di essere superiore all’Italia dal punto di vista del gioco. Conte ha ancora molto da lavorare e a fine gara ammette ai microfoni di Rai Sport:

“Non era semplice fare bene, abbiamo sfidato una squadra più rodata di noi con grande esperienza e qualità. Ringrazio il pubblico per la presenza e per il sostegno fino al triplice fischio”.

Pronti via e la Croazia si rende subito pericolosa, prima con Rakitic dalla distanza, poi con Vida sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Gli ospiti tengono saldamente il pallino del gioco, ma al minuto 11 gli azzurri passano in vantaggio con una gran conclusione di Candreva dal limite. La Croazia reagisce e al 15’ trova il gol dell’1-1 con Perisic, che è una vera e propria spina nel fianco della nazionale italiana, ma Buffon ci mette molto del suo. Al 16’ partita interrotta per qualche istante per il lancio di fumogeni e petardi da parte dei tifosi ospiti. Poco dopo della metà del primo tempo, si infortunano Pasqual e Modric: al loro posto entrano rispettivamente Soriano e Kovacic. Zaza e Immobile sono abbastanza spenti, ma prima dell’intervallo gli azzurri crescono. L’occasione più ghiotta, però, è per la Croazia, ma Ranocchia sulla linea salva tutto a Buffon fuori causa.

Nella ripresa il canovaccio non cambia: la Croazia preme, l’Italia si rintana e aspetta di trovare lo spazio per una ripartenza. Zaza è pericoloso in contropiede al 47’, ma gli ospiti con il passare dei minuti controllano abilmente la gara, approfittando anche della stanchezza degli azzurri. La manovra italiana migliora con gli ingressi di El Shaarawy prima e Pellè poi, che sostituiscono Zaza e Immobile. Al 75’ nuovo fitto lancio di petardi e fumogeni, l’arbitro manda tutti negli spogliatoi: si riprenderà a giocare dopo circa 10 minuti. Succederà ben poco fino all’86’, quando la Croazia con Perisic va clamorosamente vicina al meritato raddoppio. Per fortuna, il tiro finisce sul fondo e Buffon tira un sospiro di sollievo.

Italia-Croazia 1-1 | Il tabellino

Italia (3-5-2): Buffon; Darmian, Ranocchia, Chiellini; De Sciglio, Candreva, De Rossi, Marchisio, Pasqual (28′ Soriano); Zaza (18′ st Pellé), Immobile (7′ st El Shaarawy). A disp: Sirigu, Perin, Rugani, Moretti, Bertolacci, Parolo, Bonaventura, Cerci, Giovinco. Ct: Antonio Conte

Croazia (4-2-3-1): Subasic; Srna, Corluka, Vida, Pranjic; Modric (28′ Kovacic), Brozovic (38′ st Badelj); Perisic, Rakitic, Olic (24′ st Kramaric); Mandzukic. A disp: Kalinic, Vargic, Lovren, Jevdaj, Leovac, Halilovic, Vrsalijko, Cop, Sharbini. Ct: Niko Kovac

Arbitro: Kuipers (Olanda)

Marcatori: 11′ Candreva (I), 15′ Perisic (C)

Ammoniti: Immobile (I); Kovacic, Perisic (C)

Qualificazioni Europei 2016, Gruppo H - Italia-Croazia 1-1


Qualificazioni Europei 2016, Gruppo H – Italia-Croazia 1-1

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

Croazia Europei 2016 Italia video video nazionali

ultimo aggiornamento: 16-11-2014


Italia Croazia sospesa per lancio fumogeni, poi si gioca

Italia-Croazia 1-1 | Finale | A Candreva risponde Perisic